24 Giugno 2024

Il Congresso degli Stati Uniti ha tenuto un’audizione intitolata “Dominio del dollaro: preservare lo status del dollaro USA come valuta di riserva globale”, mentre i Paesi di tutto il mondo si uniscono alla ribellione per la de-dollarizzazione contro il “privilegio esorbitante” di Washington.

Il Congresso degli Stati Uniti ha tenuto un’udienza per discutere il crescente movimento internazionale verso la de-dollarizzazione .

Numerosi legislatori hanno espresso preoccupazione per quelle che hanno definito “minacce” crescenti alla “supremazia” del dollaro, avvertendo che Cina e Russia stanno sfidando il sistema finanziario internazionale dominato dagli Stati Uniti.

Gli economisti invitati a testimoniare nella sessione hanno avvertito che l’imposizione aggressiva di sanzioni unilaterali da parte di Washington si è ritorta contro, indebolendo il dominio del dollaro incoraggiando i paesi presi di mira a sviluppare nuove istituzioni finanziarie alternative.

Intitolata ” Dominio del dollaro : preservare lo status del dollaro USA come valuta di riserva globale”, l’udienza del 7 giugno è stata organizzata dalla sottocommissione per la sicurezza nazionale, la finanza illecita e le istituzioni finanziarie internazionali del Comitato per i servizi finanziari della Camera dei Rappresentanti.

Il tono dell’evento di due ore è stato profondamente schizofrenico. Gli oratori avrebbero sostenuto trionfalmente che il dollaro è rimasto imbattibile, che la sua egemonia era inevitabile e naturale, prima di lamentarsi pochi minuti dopo che gli avversari stranieri stanno cospirando per indebolirlo.

Un economista politico neoconservatore che ha parlato, Daniel McDowell, si è vantato di come il dollaro sia “il re di tutte le valute” e “un potente simbolo della regalità finanziaria americana”.

Michael Faulkender, che ha servito come assistente segretario al Tesoro per la politica economica di Donald Trump, ha dichiarato durante la sessione: “In qualità di assistente segretario, ho detto alla mia squadra che il segretario al Tesoro afferma con orgoglio che il dollaro non sarà mai la valuta di riserva mondiale, e il nostro compito è assicurarci che sia vero”.

La deputata Monica de la Cruz, una repubblicana del Texas, ha dichiarato sprezzante: “Ora questa udienza arriva in un momento critico in cui alcuni accademici e oppositori stanno diffondendo teorie secondo cui la dedollarizzazione è iniziata e che l’inizio della fine è arrivato per il dollaro ruolo dominante come valuta di riserva globale”.

La sessione è stata presieduta dal rappresentante repubblicano Blaine Luetkemeyer, un falco anti-cinese del Missouri.

“La conversazione sul dollaro come valuta di riserva sta diventando sempre più forte, poiché abbiamo sempre più minacce”, ha ammonito.

Luetkemeyer si vantava dei molti “vantaggi economici” che l’egemonia del dollaro dà agli Stati Uniti:
Il dollaro USA è stata la valuta globale preferita sin dalla fine della seconda guerra mondiale, fornendo alla nostra nazione vantaggi economici intrinseci, oltre che responsabilità.
Oggi, circa l’88% di tutte le transazioni valutarie in termini di valore sono condotte in dollari USA. Tra l’altro, ciò limita il rischio di una crisi della bilancia dei pagamenti, che riduce intrinsecamente il nostro rischio di cambio.
La posizione del dollaro consente inoltre agli Stati Uniti e agli americani di prendere in prestito a tassi inferiori di 50-60 punti base.
La forza della nostra valuta non solo avvantaggia il governo degli Stati Uniti, ma aiuta anche i consumatori americani abbassando il prezzo delle merci importate, con un risparmio stimato tra i 25 ei 45 miliardi di dollari all’anno.

L’udienza bipartisan è stata per lo più dominata dai repubblicani, ma ha visto la partecipazione anche di alcuni democratici.

Il membro di rango del sottocomitato, il rappresentante democratico dell’Ohio Joyce Beatty, ha iniziato la sessione dicendo: “Grazie ai nostri testimoni per essere qui presenti oggi per discutere la conservazione del dollaro USA come valuta di riserva globale, un argomento che tutti concordiamo sia di interesse la massima importanza”.

La retorica di Beatty era meno aggressiva di quella di Luetkemeyer, ma essenzialmente ha fatto eco agli stessi punti di discussione, affermando:

Il predominio e la supremazia della valuta offre agli Stati Uniti numerosi vantaggi, dalla riduzione dei costi di indebitamento, all’aumento della stabilità finanziaria, all’influenza sui mercati finanziari globali.
Ci consente inoltre di sfruttare misure economiche contro coloro che cercano di minacciare la nostra sicurezza nazionale e la nostra politica estera.
Dato l’innegabile valore del dominio del dollaro USA, è fondamentale affrontare la valuta e le attuali minacce ad essa.
Mentre parliamo, avversari stranieri come la Russia e la Cina stanno lavorando attivamente per indebolire il dollaro USA e paralizzare il nostro potere e la nostra influenza globali . Lo vediamo nel rapido accumulo di riserve auree da parte della Russia nell’ultimo decennio, così come nello sviluppo da parte della Cina di sistemi non SWIFT per regolare e liquidare transazioni che coinvolgono il RMB.
Inoltre, diversi altri paesi stanno spingendo gli sforzi per aggirare l’uso del dollaro USA e del sistema finanziario guidato dagli Stati Uniti.
Ecco perché sono d’accordo che l’argomento di questa udienza merita senza dubbio il nostro tempo e la nostra attenzione al Congresso e in questa sottocommissione.

L’udienza ha visto anche la testimonianza di Tyler Goodspeed, un economista di destra che ha presieduto il Consiglio dei consulenti economici quando Trump era presidente. Goodspeed si vantava:

Il fatto che il 90% di tutte le transazioni in valuta estera continui a coinvolgere il dollaro statunitense e che le banche centrali globali continuino a detenere quasi il 60% delle loro riserve valutarie in dollari statunitensi, conferisce benefici economici netti all’economia degli Stati Uniti.
In primo luogo, la domanda estera di riserve di dollari USA aumenta la domanda di titoli denominati in dollari, in particolare titoli del Tesoro degli Stati UnitiCiò riduce efficacemente il costo del prestito per le famiglie statunitensi; società statunitensi; e governi federali, statali e locali.
Significa anche che, in media, gli Stati Uniti guadagnano di più sui propri investimenti in attività estere di quanto dobbiamo pagare per gli investimenti esteri negli Stati Uniti, il che consente agli Stati Uniti di importare più beni e servizi di quanti ne esportiamo.
In secondo luogo, la domanda estera di grandi riserve di dollari USA e attività denominate in dollari aumenta il valore del dollaro , e un dollaro più forte avvantaggia i consumatori e le imprese statunitensi che sono importatori netti di beni e servizi dall’estero.
In terzo luogo, le grandi riserve di valuta statunitense all’estero, in effetti, costituiscono un prestito senza interessi agli Stati Uniti del valore di circa $ 10 a $ 20 miliardi all’anno.
In quarto luogo, la denominazione della maggior parte delle transazioni internazionali in dollari USA probabilmente riduce modestamente i rischi di cambio affrontati dalle società statunitensi.
In quinto luogo, dato il volume delle disponibilità estere in dollari statunitensi e del debito denominato in dollari, le azioni di politica monetaria delle banche centrali estere hanno generalmente un impatto minore sulle condizioni finanziarie negli Stati Uniti rispetto alle azioni della banca centrale degli Stati Uniti sulle condizioni finanziarie di altri paesi.

Marshall Billingslea, assistente segretario del Tesoro per il finanziamento del terrorismo sotto Trump, che ha anche lavorato in precedenza al Pentagono, ha espresso preoccupazione per il fatto che le banche centrali di Cina e Russia abbiano dedollarizzato le loro riserve di valuta estera e invece abbiano acquistato altri beni, come l’oro , che non può essere facilmente sanzionato:

Se guardiamo a ciò che la Russia ha fatto nel periodo precedente alla sua ulteriore invasione dell’Ucraina, ha iniziato a scaricare la proprietà dei buoni del Tesoro nel 2018. In quell’anno, sono crollati da $ 96 miliardi di partecipazioni a $ 15 miliardi. E hanno anche iniziato a comprare grandi quantità di oro.
La Cina sta ora intraprendendo la sua corsa all’acquisto di oro. Non ho visto i dati di maggio, ma aprile ha segnato il sesto mese consecutivo di espansione cinese delle sue riserve auree.
E non sono sicuro di credere alle cifre ufficiali. Dobbiamo ricordare che la Cina è il giocatore dominante nell’estrazione dell’oro in tutto il mondo e metà di queste società di estrazione dell’oro sono di proprietà statale.
Quindi la dimensione effettiva della cassa di guerra della Cina, quando si tratta di riserve auree, potrebbe essere molto più alta, anzi sospetto che sia inevitabilmente molto più alta di quanto suggeriscano i numeri ufficiali.
L’anno scorso, anche la Cina ha iniziato a scaricare i suoi titoli del tesoro. Il 2022 ha segnato il calo più grande o il secondo più grande mai registrato, con un calo di circa 174 miliardi di dollari, e la Cina si è attestata al livello più basso dal 2010 in termini di partecipazioni.

Nell’udienza, Billingslea ha anche avvertito che, poiché la Cina accumula oro nelle sue riserve di valuta estera, potrebbe iniziare a emettere contratti denominati in Yuan che sono garantiti dall’oro:

La cosa che mi preoccupa – torno al fatto che hanno comprato molto oro – è che una delle cose che potrebbero fare, il che sarebbe molto preoccupante, se finissero per avere riserve d’oro maggiori di noi crediamo, è che potrebbero iniziare a emettere contratti in yuan, o denominati in oro, garantiti da oro.
Ciò aumenterebbe la loro ambizione di introdurre lo yuan sulla scena mondiale.

Presente all’udienza anche Daniel McDowell, professore associato presso il dipartimento di scienze politiche della Syracuse University di New York, e autore del libro “Bucking the Buck: US Financial Sanctions and the International Backlash Against the Dollar”.

McDowell ha sostenuto che, imponendo sempre più sanzioni ai paesi di tutto il mondo, Washington sta effettivamente indebolendo il dominio del dollaro.

Gli Stati Uniti hanno sanzioni su nazioni che rappresentano più di un terzo della popolazione mondiale e il 29% del PIL mondiale. McDowell ha spiegato:

La preminenza del dollaro e la centralità finanziaria degli Stati Uniti non sono senza conseguenze per il potere coercitivo americano, come tutti sapete.
Con poco più di un tratto di penna del presidente, o attraverso un atto del Congresso, il governo degli Stati Uniti può utilizzare sanzioni finanziarie per imporre enormi costi economici a soggetti stranieri mirati, siano essi individui, aziende o istituzioni statali, congelando i loro beni in dollari o tagliando loro l’accesso alle banche attraverso le quali fluiscono quei dollari.
Poiché gli Stati Uniti hanno aumentato la loro dipendenza dalle sanzioni finanziarie come strumento di politica estera, hanno provocato risposte politiche anti-dollaro da parte dei nostri avversari.
Anche se è improbabile che tali misure ribaltino la posizione del dollaro come principale valuta internazionale, compreso il ruolo di valuta di riserva, nel tempo tali politiche potrebbero diminuire le capacità coercitive che gli Stati Uniti traggono dalla centralità del dollaro.
Negli ultimi due decenni, gli Stati Uniti hanno utilizzato con sempre maggiore frequenza lo strumento delle sanzioni finanziarie.
Ad esempio, nel 2000 solo quattro governi stranieri sono stati direttamente presi di mira nell’ambito del programma nazionale del Tesoro degli Stati Uniti, supervisionato dall’Office of Foreign Assets Control, o OFAC. Oggi quel numero è maggiore di 20; e se includiamo le sanzioni derivanti da sanzioni secondarie, l’elenco si allunga ancora.
Quanto più gli Stati Uniti hanno raggiunto sanzioni finanziarie, tanto più hanno reso consapevoli gli avversari nelle capitali straniere della vulnerabilità strategica che deriva dalla dipendenza dal dollaro.
Alcuni governi hanno risposto attuando politiche anti-dollaro, misure progettate per ridurre la dipendenza di un’economia dalla valuta statunitense per gli investimenti e le transazioni transfrontaliere.
Mentre queste misure a volte non riescono a raggiungere i loro obiettivi, altre hanno prodotto livelli modesti di dedollarizzazione.
Esempi degni di nota qui includono i passi della Russia per tagliare le sue riserve in dollari e ridurre l’uso del dollaro negli accordi commerciali negli anni che hanno portato alla sua invasione su vasta scala dell’Ucraina, o gli sforzi in corso della Cina per costruire la propria rete di pagamenti internazionali basata sullo yuan – sforzi che hanno assunto un nuovo senso di urgenza man mano che Pechino è diventata più consapevole delle proprie vulnerabilità strategiche dovute alla dipendenza dal dollaro.

Il crescente numero di stati che abbracciano punti di vista anti-dollari e adottano politiche anti-dollaro minacciano di indebolire la potenza futura delle sanzioni finanziarie statunitensi.

Infine, quando possibile, le sanzioni finanziarie degli Stati Uniti dovrebbero essere coordinate con i nostri alleati in Europa e in Asia, che dovrebbero sentirsi come attori chiave nel sistema del dollaro, e non suoi vassalli.

Un’altra deputata repubblicana che ha partecipato all’udienza, Young Kim dalla California, si è lamentata del fatto che la Cina abbia sviluppato altri modi per fornire finanziamenti ai paesi che non coinvolgono il dollaro USA.

Kim ha individuato gli accordi di cambio valuta che la People’s Bank of China ha firmato con le banche centrali di altri paesi, come l’Argentina, che è un modo per Pechino di dare liquidità o credito in yuan, aggirando le istituzioni finanziarie dominate da Washington come il sistema di messaggistica interbancario SWIFT:

Dovremmo essere tutti turbati dall’aumento degli accordi di linea di swap tra banche centrali messi in atto dalla Banca popolare cinese [PBOC].
Secondo un rapporto della PBOC del 2021, ha affermato di avere strutture di scambio con 40 paesi, con una capacità combinata di quasi 4 trilioni di yuan, ovvero circa 570 miliardi di dollari.
E solo pochi giorni fa, l’Argentina, un paese che affronta una profonda svalutazione della valuta e un’inflazione annuale del 109%, ha annunciato un accordo per rinnovare la sua linea di scambio di valuta con la Cina e raddoppiare l’importo a cui può accedere a quasi $ 10 miliardi di dollari.
Quindi la PBOC giustifica le linee di scambio come un modo per costringere i paesi a utilizzare lo yuan come metodo di scambio.
Quindi voglio chiederle, signor Billingslea, invece di liberalizzare il suo conto capitale e consentire allo yuan di essere completamente convertibile nei mercati dei cambi valutari, il PCC ha scelto di aumentare i suoi accordi bilaterali di swap line per internazionalizzare ulteriormente la sua valuta.
Quindi c’è qualcosa che gli Stati Uniti possono fare per rallentare o ridurre l’adattamento delle linee di swap valutario della PBOC?

Tutti i partecipanti all’udienza hanno considerato auspicabile l’egemonia della valuta statunitense, sostenendo che essa debba inevitabilmente essere mantenuta. I cinque testimoni esperti che sono stati invitati hanno insistito sul fatto che non esiste una minaccia a breve termine per il dominio del dollaro.

L’udienza di due ore non ha affrontato possibili piani per il blocco BRICS per creare una nuova valuta di riserva internazionale. Invece, i partecipanti hanno parlato solo di valute nazionali esistenti come il renminbi cinese, il rublo russo o l’euro come potenziali sfidanti del dollaro USA, mentre alla fine le hanno respinte tutte.

L’idea che i BRICS potessero sviluppare una valuta internazionale (simile all’idea del Bancor di John Maynard Keynes ) non è stata nemmeno sollevata come possibilità.

Altri articoli dello stesso argomento

Crollo di euro e dollaro e le nuove valute sostenute dall’oro

La tempesta perfetta. E adesso?

Crollo in borsa dei titoli tecnologici del Deep State

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *