20 Maggio 2024

Il Nuovo Ordine Mondiale multipolare ha affidato al Brasile – uno dei Paesi fondatori del Brics -, il ruolo di nazione pilota per l’ID digitale. La rivoluzione informatica e tecnologica in atto ci sta lentamente introducendo in un nuovo ordine del mondo multipolare dove blockchain, e in seguito computer quantistici di nuova generazione, spazzeranno via molti mestieri seppur ne sorgereranno di nuovi.

Il crollo delle monete fiat stampate a debito e la fine del signoraggio bancario e relativo nuovo ordine mondiale unipolare, sono funzionali all’arrivo della rivoluzione globale in atto. Già Filippo, il proprietario del blog ci aveva anticipato tutto questo in tempi non sospetti nelle dirette che faceva sul canale telegram durante i lockdown.

 

Il Brasile ha intrapreso un viaggio innovativo nel mondo dell’identificazione digitale con il lancio di un programma di ID nazionale basato su blockchain destinato a trasformare la vita di oltre 214 milioni di cittadini che così accedono e gestiscono i propri documenti di identità, segnando un momento cruciale nel viaggio del Paese verso un’identificazione digitale a loro dire sicura ed efficiente. 

Alimentata dalla sicurezza e dalla decentralizzazione della tecnologia blockchain, questa iniziativa promette di rivoluzionare la verifica dell’identità e di snellire i processi amministrativi in tutto il Paese.

1. Il potere della Blockchain nell’identificazione digitale

Le fondamenta del nuovo programma di identità nazionale del Brasile poggiano sull’uso innovativo della tecnologia blockchain.

Rio de Janeiro, Goiás e Paraná sono pronti a diventare pionieri in questa impresa, in quanto si preparano a emettere documenti di identificazione su catena. 

Questo sviluppo è facilitato da un sistema blockchain privato sviluppato da Serpro, il servizio nazionale di elaborazione dati del Brasile. Ciò che distingue la blockchain come tecnologia ideale per questo progetto sono le sue qualità intrinseche di immutabilità e decentralizzazione.

L’immutabilità della blockchain garantisce che una volta che i dati sono registrati sulla catena, non possono essere alterati o manomessi, fornendo un livello di sicurezza senza precedenti per le informazioni personali. 

Inoltre, la decentralizzazione elimina la necessità di un’unica autorità centrale, distribuendo la responsabilità della verifica dell’identità in tutta la rete e migliorando ulteriormente la sicurezza.

Alexandre Amorim, presidente di Serpro, sottolinea che la tecnologia blockchain è fondamentale per salvaguardare i dati personali e prevenire le frodi. L’utilizzo della piattaforma blockchain di b-Cadastros aumenta la sicurezza e l’affidabilità del progetto della Carta d’Identità Nazionale, spiega.

2. Obiettivi chiave del programma del Brasile per l’ID in chiave blockchain

Il governo brasiliano ha delineato diversi obiettivi chiave per il suo programma di identità digitale, dimostrando il suo impegno a migliorare la sicurezza e a snellire i processi amministrativi. 

Uno degli obiettivi principali è quello di combattere più efficacemente la criminalità organizzata istituendo un sistema robusto e a prova di manomissione per la verifica dell’identità. 

Grazie alle capacità della blockchain, il governo può ridurre significativamente i rischi associati al furto di identità e alle attività fraudolente.

Un altro aspetto critico di questa iniziativa è la promozione della collaborazione tra i settori governativi. 

Grazie all’adozione di ID digitali basati su blockchain, le diverse agenzie possono accedere e verificare le identità degli individui senza soluzione di continuità, promuovendo una condivisione efficiente delle informazioni e la cooperazione. 

Questo approccio collaborativo promette di migliorare i servizi pubblici e di garantire un’esperienza più agevole ai cittadini brasiliani.

Inoltre, il Brasile mira a semplificare l’accesso a vari servizi per i suoi cittadini. 

Che si tratti di accesso all’assistenza sanitaria, all’istruzione o ai servizi finanziari, gli ID digitali basati su blockchain possono fungere da chiave universale, consentendo agli individui di interagire con i servizi governativi e del settore privato in modo più comodo e sicuro.

3. Il contesto regionale più ampio

L’incursione del Brasile nei documenti d’identità digitali basati su blockchain si allinea a una tendenza più ampia nella regione. 

La città di Buenos Aires, in Argentina, ha recentemente introdotto un’iniziativa simile, consentendo ai residenti di accedere ai propri documenti d’identità attraverso portafogli digitali. 

Questo dimostra il crescente riconoscimento del potenziale della blockchain nel rivoluzionare la verifica dell’identità in Sud America.

Inoltre, gli sforzi del Brasile per unificare l’emissione di documenti di identità nei suoi quasi 30 Stati riflettono l’impegno a creare un sistema di identità nazionale coeso e sicuro. 

L’adozione della tecnologia blockchain rappresenta un passo significativo verso il raggiungimento di questo obiettivo, consentendo uno scambio di dati sicuro tra l’Agenzia delle Entrate e i vari dipartimenti governativi.

4. Un occhio al futuro: il progetto di valuta digitale Drex

Oltre agli sforzi pionieristici nel campo dell’identità digitale, il Brasile sta facendo passi da gigante nel campo della blockchain e della finanza digitale con il progetto Drex Digital Currency. 

Questa ambiziosa iniziativa è destinata a rimodellare il panorama finanziario del Paese e ha suscitato una notevole attenzione sia a livello nazionale che internazionale.

La moneta digitale della banca centrale (CBDC), nota come Drex, rappresenta l’approccio proattivo del Brasile alla modernizzazione dell’infrastruttura finanziaria. Il Drex mira ad ampliare l’accesso al capitale per le imprese attraverso un innovativo sistema di tokenizzazione. 

Digitalizzando le attività e le transazioni finanziarie, questo CBDC promette di migliorare l’inclusività e l’efficienza finanziaria, riducendo al contempo la dipendenza dalle infrastrutture bancarie tradizionali.

Uno dei principali punti di forza di Drex risiede nel suo potenziale di facilitare transazioni transfrontaliere più rapide e sicure. Sfruttando la tecnologia blockchain, il Brasile immagina un futuro in cui i pagamenti e gli scambi internazionali diventeranno senza soluzione di continuità ed economicamente vantaggiosi.

Questo potrebbe aprire nuove porte alla cooperazione economica globale e ai partenariati commerciali, posizionando il Brasile come un hub per l’innovazione della finanza digitale nella regione.

5. Le sfide del progetto Drex

Tuttavia, è essenziale riconoscere che il progetto Drex non è stato privo di sfide. 

Gli sviluppatori locali hanno espresso preoccupazioni in merito alla possibilità che un’autorità centrale eserciti un controllo significativo su Drex, compresa la capacità di congelare i fondi o di modificare i saldi. 

Queste preoccupazioni evidenziano la necessità di un’attenta governance e di trasparenza nello sviluppo e nella diffusione delle valute digitali.

Mentre il Brasile continua a navigare nelle complessità della finanza digitale e della blockchain, il progetto di valuta digitale Drex rimane un punto di interesse. 

Il suo successo potrebbe inaugurare una nuova era di accessibilità e connettività finanziaria, non solo in Brasile ma anche a livello globale.

Nei prossimi anni, l’evoluzione di Drex sarà senza dubbio seguita da vicino da esperti finanziari, politici e appassionati di blockchain, in quanto cercherà di ridefinire il panorama finanziario del Paese.

Conclusioni

Il lancio da parte del Brasile di un programma di identità digitale basato su blockchain segna una pietra miliare significativa nell’evoluzione tecnologica del Paese. 

Sfruttando la potenza della blockchain, il Brasile è pronto a rafforzare la sicurezza, a snellire i processi amministrativi e a migliorare l’esperienza complessiva dei suoi cittadini. 

Questa iniziativa sottolinea anche il crescente riconoscimento del potenziale della blockchain nel plasmare il futuro della verifica dell’identità e della finanza digitale in Sud America. 

Con l’espansione del programma in tutto il Paese, esso fungerà senza dubbio da modello per altre nazioni che cercano di sfruttare la tecnologia blockchain per scopi simili, promuovendo un mondo più sicuro e connesso.

[Fonti: Forbes e cointelegraph]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *