20 Maggio 2024

Trovati frammenti di DNA nei vaccini che potrebbero essere la causa di gravi eventi avversi compreso il cancro

0

Un team di scienziati ha rilevato livelli significativi di DNA plasmidico nei vaccini monovalenti e bivalenti Pfizer/BioNTech e Moderna modRNA COVID-19 dell’Ontario, Canada.

La scorsa settimana OSF Preprints del Center for Open Science ha pubblicato la ricerca in cui afferma di aver scoperto «DNA plasmidico a livelli significativi sia nei vaccini» mRNA.

1. I nomi degli scienaziati che hanno firmato la ricerca

Lo studio pubblicato di 31 pagine porta la firma dei seguenti scienziati:

  • David J. Speicher, Dipartimento di Patobiologia, Università di Guelph, Ontario, Canada;
  • Jessica Rose, Ricercatore indipendente, Ontario, CanadaORCID 0000-0002-9091-4425103;
  • L. Maria Gutschi, Consulente farmaceutico, Ottawa, Ontario, Canada114 Synechion, Inc.;
  • David M. Wiseman, Ph.D., Dallas, Texas, USA ORCID 0000-0002-8367-6158125;
  • Kevin McKernan, Genomica medicinale, Beverly, Massachusetts, USA ORCID 0000-0002-3908-1122.

Tutti hanno affermato di aver trovato «da miliardi a centinaia di miliardi di molecole di DNA per dose» che hanno raccolto da «fiale scadute non aperte (…) e moderne punture di mRNA» ottenute da varie farmacie in Ontario, Canada.

Il Dr. McKernan ha sostenuto che la presunta contaminazione potrebbe provocare seri problemi di salute, compreso il cancro.

«I nostri risultati estendono le preoccupazioni esistenti sulla sicurezza del vaccino», hanno affermato gli autori nella prestampa, aggiungendo che i risultati «mettono in discussione anche la rilevanza delle linee guida concepite prima dell’introduzione di una trasfezione efficiente utilizzando [nanoparticelle lipidiche]».

I vaccini anti-COVID-19 mRNA contengono nanoparticelle lipidiche (LNP), che sono «piccole palline di grasso» che fungono da meccanismi di rilascio del vaccino mRNA.

2. Il contesto

Le reazioni di trascrizione in vitro (IVT) utilizzate per generare RNA modificato con nucleosidici (modRNA) per i vaccini SARS-CoV-2 si basano attualmente su una RNA polimerasi che trascrive da un modello di DNA.

La produzione del modRNA utilizzato nello studio clinico randomizzato (RCT) originale di Pfizer ha utilizzato un modello di DNA generato dalla PCR (processo 1).

Per generare miliardi di dosi di vaccino. Questo DNA è stato clonato in un vettore plasmidico batterico per l’amplificazione in Escherichia coli prima della linearizzazione (Processo 2), espandendo le dimensioni e la complessità del potenziale DNA residuo e introducendo sequenze non presenti nel modello del Processo 1.

Sembra che Moderna abbia utilizzato un processo simile basato su plasmidi sia per i vaccini di sperimentazione clinica che per quelli post-esperimento. Recentemente, studi di sequenziamento del DNA hanno rivelato questo DNA plasmidico a livelli significativi sia nei vaccini modRNA di Pfizer-BioNTech che di Moderna. Questi studi hanno esaminato un numero limitato di lotti e permangono dubbi sulla varianza del DNA residuo osservata a livello internazionale.

3. I metodi

Utilizzando sequenze di primer e sonde precedentemente pubblicate, la reazione a catena della polimerasi quantitativa (qPCR) e la fluorometria Qubit® sono state eseguite su ulteriori 27 fiale di mRNA ottenute in Canada e prelevate da 12 lotti unici (5 lotti di Moderna monovalente per bambini/adulti, 1 lotto di Moderna adulto bivalente BA.4/5, 1 lotto di Moderna bambino/adulto bivalente BA.1, 1 lotto di Moderna XBB.1.5 monovalente, 3 lotti di Pfizer adulto monovalente e 1 lotto di Pfizer adulto bivalente BA.4/5 ). È stato interrogato il database VAERS (Vaccine Adverse Events Reporting System) per il numero e la categorizzazione degli eventi avversi (AE) segnalati per ciascuno dei lotti testati.

Il contenuto di una fiala di vaccino Pfizer COVID-19 precedentemente studiata è stato esaminato mediante sequenziamento Oxford Nanopore per determinare la distribuzione dimensionale dei frammenti di DNA. Questo campione è stato utilizzato anche per determinare se il DNA residuo è impacchettato nelle nanoparticelle lipidiche (LNP) e quindi resistente alla DNasi I o se il DNA risiede all’esterno dell’LNP ed è labile alla DNasi I.

4. I risultati

I valori del ciclo di quantificazione (Cq) (diluizione 1:10) per l’origine plasmidica della replicazione (ori) e le sequenze di picchi variavano da 18,44 – 24,87 e 18,03 – 23,83 per Pfizer, e 22,52 – 24,53 e 25,24 – 30,10 per Moderna, rispettivamente.

Questi valori corrispondono a 0,28 – 4,27 ng/dose e 0,22 – 2,43 ng/dose (Pfizer), e 0,01 – 0,34 ng/dose e 0,25 – 0,78 ng/dose (Moderna), per ori e spike rispettivamente misurati mediante qPCR, e 1.896 – 3.720 ng/dose e 3.270 – 5.100 ng/dose misurati mediante fluorimetria Qubit® per Pfizer e Moderna, rispettivamente.

Il promotore-potenziatore-ori SV40 è stato rilevato solo nelle fiale Pfizer con punteggi Cq compresi tra 16,64 e 22,59. In un’analisi esplorativa, abbiamo trovato prove preliminari di una relazione dose-risposta tra la quantità di DNA per dose e la frequenza di eventi avversi gravi (SAE).

Questo rapporto era diverso per i prodotti Pfizer e Moderna. L’analisi della distribuzione delle dimensioni ha rilevato lunghezze medie e massime dei frammenti di DNA rispettivamente di 214 paia di basi (bp) e 3,5 kb. Il DNA plasmidico è probabilmente all’interno degli LNP ed è protetto dalle nucleasi.

5. Le testimonianze di altri scienziati

A. La testimonianza del Dr. Phillip Buckhault

Il dottor Phillip Buckhault, esperto di genomica del cancro, testimonia al Senato della Carolina del Sud sulla contaminazione del DNA riscontrata nei vaccini COVID mRNA asserendo:

“Probabilmente ci sono circa 200 miliardi di pezzi di questo DNA plasmidico in ogni dose di vaccino… questa è davvero una cattiva notizia”.

B. La testimonianza del prof. Murakami

Il professor giapponese Murakami dell’Università di Tokyo esprime preoccupazione per l’allarmante scoperta dei promotori del virus Simian 40 (SV40), associati allo sviluppo del cancro umano, nelle fiale Pfizer. Il video che segue ha i sottotitoli in inglese.

Conclusione

Questi dati dimostrano la presenza di miliardi o centinaia di miliardi di molecole di DNA per dose in questi vaccini. Utilizzando la fluorometria, tutti i vaccini superano di 188 – 509 volte le linee guida per il DNA residuo stabilite da FDA e OMS di 10 ng/dose. Tuttavia, il contenuto di DNA residuo della qPCR in tutti i vaccini era inferiore a queste linee guida, sottolineando l’importanza della chiarezza e della coerenza metodologica nell’interpretazione delle linee guida quantitative.

Le prove preliminari di un effetto dose-risposta del DNA residuo misurato con qPCR e SAE giustificano conferma e ulteriori indagini. I nostri risultati ampliano le preoccupazioni esistenti sulla sicurezza dei vaccini e mettono in discussione la rilevanza delle linee guida concepite prima dell’introduzione di una trasfezione efficiente utilizzando gli LNP. Con diverse ovvie limitazioni, chiediamo che il nostro lavoro venga replicato in condizioni forensi e che le linee guida vengano riviste per tenere conto della trasfezione del DNA e del dosaggio cumulativo altamente efficienti.

 

In allegato il documento pubblicato dagli scienziati cliccando sull’immagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *