19 Luglio 2024

Come Churchill, Roosevelt e Stalin progettarono la fine della seconda guerra mondiale e il Nuovo Ordine Mondiale che ne seguiva

0
Palazzo dello zar Nicola II di Russia a Livadia, Crimea, maggio 1918.
© IWM (Q 86690) Palazzo dello zar Nicola II di Russia a Livadia, Crimea, maggio 1918. Fu sede della conferenza di Yalta nel febbraio 1945.

Dal 1945, e soprattutto durante la Guerra fredda, gli accordi raggiunti a Yalta sono stati oggetto di successive critiche, soprattutto negli Stati Uniti. Il presidente Roosevelt, morto solo due mesi dopo la conferenza, fu accusato da alcuni di aver consegnato la Polonia e il resto dell’Europa orientale a Stalin e di aver permesso all’Unione Sovietica di mettere piede nell’Asia orientale nonostante la promessa di un intervento russo nella guerra contro il Giappone.

Il futuro Segretario di Stato James Byrnes, che era presente a Yalta, registrò nelle sue memorie che, “per quanto ho potuto vedere, il Presidente aveva fatto pochi preparativi per la Conferenza”. Lord Moran, il medico di Churchill, pensava che il Presidente fosse “un uomo molto malato” con solo pochi mesi di vita. Churchill si sarebbe lamentato con Moran dicendo: «Il Presidente si sta comportando molto male. Non si interesserà a ciò che stiamo cercando di fare».

1. Il ruolo di Churchill

Winston Churchill, Franklin D. Roosevelt e Joseph Stalin posano per i fotografi durante la conferenza di Yalta (i "Tre Grandi") nel febbraio 1945.
© IWM (NAM 236) Winston Churchill, Franklin D. Roosevelt e Joseph Stalin posano per i fotografi durante la conferenza di Yalta nel cortile del Palazzo di Livadia, il 9 febbraio 1945. Churchill disse di Yalta: “Questo è un club molto esclusivo. La quota di ingresso è di cinque milioni di soldati o l’equivalente”.

Ma Churchill fu anche criticato per la sua accettazione apparentemente passiva del dominio sovietico sulla Polonia e l’Europa orientale. Nel dibattito della Camera dei Comuni su Yalta, 21 parlamentari conservatori, tra cui il futuro Primo Ministro Sir Alec Douglas-Home, presentarono un emendamento che deplorava “il trasferimento del territorio di un alleato a un’altra potenza”. Il ministro junior George Strauss si dimise per protesta contro la politica del governo sulla Polonia.

Verso la fine degli anni ’70, Churchill e il ministro degli Esteri Anthony Eden furono anch’essi oggetto di critiche quando divenne ampiamente noto che avevano fatto una concessione a Stalin, ovvero che tutti gli ex prigionieri di guerra sovietici, comprese migliaia di persone che per qualsiasi motivo avevano cambiato schieramento e combattuto in uniforme tedesca, fossero rimpatriati forzatamente. Ma ancora una volta si temeva che se non si fosse raggiunto un accordo, i russi avrebbero potuto dimostrarsi altamente ostruzionisti quando si sarebbe trattato di rimpatriare i prigionieri di guerra occidentali liberati dall’Armata Rossa.

L’efficacia di Churchill a Yalta fu difesa energicamente da altri: l’ammiraglio William Leahy, capo di stato maggiore di Roosevelt, scrisse in seguito che «Churchill, secondo me, ha dato il meglio di sé a Yalta», lottando non solo per gli interessi della Gran Bretagna, ma anche per quelli di Francia, Polonia e altre piccole potenze.

2. Risultati

All’epoca, e nonostante alcune delusioni non rese immediatamente pubbliche, i risultati della conferenza furono generalmente considerati positivi.  La rivista Time  affermò che “tutti i dubbi sulla capacità dei Big Three di cooperare in pace come in guerra sembrano ora essere stati spazzati via”. Un verdetto sul quale, all’epoca, James Byrnes concordò: «Ecco come la pensavo. Non c’è dubbio che l’ondata di amicizia anglo-sovietico-americana avesse raggiunto un nuovo massimo».

A Yalta, Stalin accettò di collaborare alla fondazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, un progetto molto caro al cuore di Roosevelt. Con riluttanza, e dopo un grande sforzo da parte sia di Churchill che di Eden, Stalin accettò anche che la Francia avesse una zona di occupazione nella Germania sconfitta. Con la bomba atomica ancora da provare e la prospettiva di pesanti perdite americane, britanniche e australiane in un’invasione delle isole giapponesi, la promessa della partecipazione russa all’era in Asia orientale fu vista come un grande colpo.

Mesi dopo, l’8 agosto 1945, la Russia dichiarò guerra al Giappone come promesso a Yalta, tre mesi dopo la fine della guerra in Europa, il giorno prima che la bomba atomica venisse sganciata su Nagasaki. In seguito, durante la Guerra fredda, l’intervento sovietico nella guerra contro il Giappone fu quasi sempre trascurato dagli storici occidentali, ma ora è considerato uno dei fattori chiave nella decisione giapponese di arrendersi, insieme allo sgancio delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki.

3. Il problema delle relazioni tra Polonia e Unione Sovietica

Il problema del futuro della Polonia fu un focus speciale della conferenza di Yalta. La frontiera russa con la Polonia sarebbe stata spostata verso ovest fino alla linea Curzon, un confine precedentemente suggerito dopo la prima guerra mondiale. Come compensazione, la nuova frontiera occidentale della Polonia con la Germania sarebbe stata sulla linea Oder-Neisse. Stalin acconsentì che si dovessero tenere elezioni libere in Polonia il prima possibile. Accettò anche le suppliche di Churchill affinché i membri dei governi polacco e jugoslavo in esilio fossero inclusi nelle nuove amministrazioni di quei paesi. La Russia aderì anche a una “Dichiarazione sull’Europa liberata” in cui i “Tre Grandi” registrarono il loro desiderio di stabilire istituzioni democratiche nei paesi che le loro forze avevano o stavano per liberare dal dominio nazista.

Charles ‘Chip’ Bohlen del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, che fungeva da interprete russo di FDR, credeva che ognuno dei ‘Big Three’ avesse raggiunto i propri obiettivi principali a Yalta, pur riconoscendo che ‘c’era un senso di frustrazione e un po’ di amarezza nei confronti della Polonia’. Per diplomatici professionisti americani e britannici come Bohlen, gli accordi raggiunti a Yalta sembravano in superficie ‘compromessi realistici tra le varie posizioni di ogni paese’. Stalin aveva fatto una vera concessione accettando finalmente una zona francese in Germania, mentre Churchill e Roosevelt avevano ceduto molto sulla Polonia. Ma anche allora, pensò Bohlen, il piano così come concordato alla fine avrebbe potuto benissimo portare a un governo polacco genuinamente democratico se fosse stato portato a termine.

L’amico di Bohlen al Dipartimento di Stato, George Kennan, non era così ottimista. In un memorandum scritto appena prima di Yalta, Kennan aveva dato una valutazione cupa e lungimirante delle future relazioni sovietiche con l’Occidente. In esso non vedeva alcuna speranza di cooperazione con Stalin in un’Europa postbellica, piuttosto un “inevitabile conflitto che sorgeva tra l’esigenza degli Alleati di nazioni stabili e indipendenti in Europa e una spinta sovietica verso ovest”. In pochissimo tempo Stalin si rifiutò di portare a termine la sua parte dell’accordo sulla Polonia, ignorando la Dichiarazione sull’Europa liberata. E solo un anno e un mese dopo Yalta, il 5 marzo 1946, Churchill tenne il suo famoso discorso sulla “cortina di ferro” a Fulton, Missouri.

4. Il lato sociale di Yalta

Winston Churchill scambia una battuta con il maresciallo Stalin (con l'aiuto di Pavlov, l'interprete di Stalin, a sinistra) nella sala conferenze del Palazzo Livadia durante la conferenza di Yalta.
© IWM (NAM 229) Winston Churchill scambia una battuta con il maresciallo Stalin (con l’aiuto di Pavlov, l’interprete di Stalin, a sinistra) nella sala conferenze del Palazzo Livadia durante la conferenza di Yalta. L’interprete di Stalin, Vladimir Pavlov, traduce una barzelletta per i due leader durante una pausa allegra della conferenza.

Se l’atmosfera politica e diplomatica alla conferenza era a volte tesa e accesa, il lato sociale era estremamente cordiale da entrambe le parti. Anthony Eden scrisse in seguito che «a Yalta i russi sembravano rilassati e, per quanto potevamo giudicare, amichevoli».

Ci furono banchetti in cui si brindava con innumerevoli vodka. A un certo punto Stalin descrisse Roosevelt come «il principale artefice degli strumenti che portarono alla mobilitazione del mondo contro Hitler». Chiamò Churchill «l’uomo che nasce una volta ogni cento anni» e «il più coraggioso statista del mondo». Rifuggendo la vodka, il Primo Ministro fu descritto da uno dei suoi assistenti come “un uomo che beve secchiate di champagne caucasico che minerebbero la salute di qualsiasi uomo comune”. La salute in declino di Roosevelt era evidente a tutti i presenti. Accompagnato dalla figlia Anna, il viaggio di 7.000 miglia verso Yalta aveva lasciato il Presidente senza energie.

Sir Alexander Cadogan, capo permanente del Foreign Office, scrisse nel suo diario che “zio Joe” Stalin era «di gran lunga il più impressionante dei tre uomini. È molto silenzioso e sobrio… il Presidente svolazzava e il PM tuonava, ma Joe se ne stava lì seduto a prendere tutto e a divertirsi parecchio. Quando interveniva, non usava mai una parola superflua e parlava molto al punto». James Byrnes scrisse nelle sue memorie che il dittatore sovietico era “una persona molto simpatica”, mentre Churchill brindò a lui come «il potente leader di una potente nazione il cui popolo aveva cacciato i tiranni dal suo suolo».

5. Yalta: un avvertimento profetico?

In mezzo a tutti i banchetti, l’euforia e l’autocompiacimento per il fatto che Yalta, come  scrisse il New York Herald Tribune,“ha prodotto un’altra grande prova di unità, forza e potere decisionale degli Alleati”, fu lo stesso Stalin a suonare una nota profetica di avvertimento. Rispondendo al brindisi del presidente Roosevelt in cui sperava che l’unità che aveva caratterizzato la Grande Alleanza contro Hitler durante la guerra sarebbe continuata, il dittatore sovietico rispose:

“Non è così difficile mantenere l’unità in tempo di guerra, poiché c’è un obiettivo comune per sconfiggere il nemico comune, che è chiaro a tutti. Il compito difficile verrà dopo la guerra, quando interessi diversi tenderanno a dividere gli Alleati. È nostro dovere fare in modo che le nostre relazioni in tempo di pace siano forti come lo sono state in tempi di guerra”.

Conclusione

  • Nonostante l’apparente collaborazione, vi erano profonde diffidenze tra i tre leader. Roosevelt e Churchill diffidavano di Stalin, consapevoli delle sue ambizioni territoriali post-belliche, mentre Stalin sospettava che gli Alleati occidentali volessero ritardare l’apertura del secondo fronte in Europa per indebolire ulteriormente l’Unione Sovietica.
  • Un tema di tensione fu la questione della Polonia e dei suoi confini post-bellici. Stalin era determinato a ottenere il controllo sulla Polonia, mentre Roosevelt e Churchill erano più cauti nel concedere troppo territorio ai sovietici.
  • Molte delle decisioni prese riguardo alla ridefinizione dei confini post-bellici furono tenute segrete e rivelate solo successivamente. Stalin ottenne l’approvazione tacita per l’espansione dell’influenza sovietica in Europa orientale.
  • Furono pianificate operazioni militari segrete per coordinare l’apertura del secondo fronte in Normandia (D-Day) e operazioni contro il Giappone, che rimasero coperte fino al loro svolgimento.
  • Molte delle decisioni prese durante la conferenza furono decise principalmente dai tre leader senza il coinvolgimento di altri paesi alleati, che successivamente dovettero adattarsi alle nuove realtà geopolitiche.
  • Le decisioni prese a Teheran ebbero un impatto devastante sulla Polonia e sui Paesi Baltici, che furono posti sotto l’influenza sovietica per decenni. La perdita di sovranità e l’imposizione di regimi comunisti generarono profonde sofferenze.
  • a conferenza di Teheran gettò le basi per la divisione dell’Europa e la successiva Guerra Fredda. Le decisioni prese riguardo alla sfera d’influenza sovietica in Europa orientarono la politica internazionale per i decenni successivi.

Fonti:

  1. History.com: Tehran Conference
  2. Britannica: Tehran Conference
  3. The Avalon Project: Tehran Conference, 1943
  4. IVM.org

 

Allegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *