24 Giugno 2024

Pechino progetta una struttura di addestramento militare a Cuba. Militari cinesi già presenti in Canada e forse anche negli Stati Uniti?

Continuano le fughe di notizie che riguardano il confine degli Stati Uniti. La settimana scorsa abbiamo dato la notizia della costruzione di una base dei servizi d’intelligence cinesi a Cuba [qui] mentre oggi trapela la notizia che la Cina abbia raggiunto un accordo con le autorità cubane per la costruzione di una base di addestramento militare congiunta per truppe cinesi e cubane nell’isola caraibica.

A rivelarlo è stato il Wall Street Journal [qui], secondo cui ormai i piani sarebbero in fase di ultimazione. Questo comporta la presenza non meglio precisata di militari cinesi ad appena 150km dalla costa della Florida. Potrebbe essere questa la ragione degli spostamenti militati in atto in questi giorni negli Stati Uniti di questi giorni [qui] e [qui]. È noto che il WSJ è vicino ad ambienti dei servizi segreti statunitensi per cui difficile pensare che la fuoriuscita di questa notizia non sia stata perlomeno appoggiata dalla CIA e dal pentagono.

Pochi sanno che nel 2020, a inizio pandemia, un dossier segreto di 34 pagina venne fatto recapitare a due testate giornalistiche canadesi indipendenti secondo cui il primo ministro canadese Justin Trudeau aveva invitato l’Esercito popolare di liberazione cinese ad addestrare truppe in Canada e che – sempre secondo questi documenti top secret -, tra le truppe militari vi fossero anche un certo numero di uomini legati ai servizi segreti cinesi [qui].

È noto che J. Trudeau – che secondo molti sarebbe il figlio illegittimo di Fidel Castro il militare vicino ai circuiti aschenaziti che ha governato Cuba per oltre quarant’anni al punto da obbligare il governo canadese a una smentita ufficiale -, sia egli stesso un burattino della mafia cazara aschenazita.

In seguito alla fuga di queste notizie le pressioni della popolazione e di generali dell’esercito canadese furono tali da costringere il governo canadese a diramare una nota ufficiale per smentire la presenza di agenti dei servizi segreti in Cina ma non quella delle esercitazioni congiunte [qui].

Nei fatti, tradotto in una frase, gli Stati Uniti sono accerchiati. Ed è in questo contesto che vanno lette le mongolfiere (o palloni) spia di qualche mese fa sui cieli statunitensi [qui].

Alcuni osservatori canadesi hanno notato strani movimenti militari anche in Canada e addirittura ipotizzano la presenza sul territorio statunitense di militari cinesi infiltrati pronti ad entrare in azione.

 

Mentre monitoriamo la situazione, la nostra sensazione è che la Cina o, per meglio dire, il Nuovo Ordine Mondiale multipolare, stia lanciando un chiaro messaggio agli Stati Uniti o, per meglio dire, all’ormai vecchio e forse sconfitto Nuovo Ordine Mondiale unipolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *