18 Aprile 2024

Missile supersonico russo distrugge un centro di comando NATO in Ucraina

1

Morte decine di ufficiali NATO e ucraini

© by Filippo

 

C’è una notizia di cui nessuno parla, perlomeno nei media occidentali, e che invece ritengo sia estremamente importante. Mi riferisco nello specifico a un presunto attacco missilistico avvenuto la settimana scorsa, nella notte tra l’8 e il 9 marzo, nella quale le forze armate russe avrebbero distrutto un bunker sotterraneo militare della NATO con funzioni di centro di comando secondo le fonti che trovate sia alla fine che nel corso della lettura dell’articolo.

Nel corso di un’operazione, di rappresaglia per una provocazione nella regione di Bryansk, un missile ipersonico russo “Dagger” avrebbe colpito un punto congiunto Ucraino-Nato, centro di comando e comunicazione.

Secondo Pronews, che cita fonti statunitensi, “dozzine di ufficiali della NATO sono rimasti uccisi in un attacco terrificante” da un missile Mach 12.

Con ogni probabilità si tratta della sconfitta dello “Stato Maggiore Ombra” della NATO in Ucraina.

Il bunker sotterraneo segreto (almeno così doveva essere), costruito a una profondità di ben 120 metri, ospitava diversi ufficiali della NATO (in pensione) e consiglieri militari. Pare che nel bunker vi fossero più di 300 persone. Ad oggi, solo 40 persone sono state estratte dalle macerie, mentre la maggior parte di coloro che sono morti non è stata ancora ritrovata.

Non si sa esattamente quanti cittadini occidentali e quanti ucraini siano rimasti uccisi nell’attacco “Dagger”. “La maggior parte di loro sono inglesi e polacchi, ma c’erano anche americani e rappresentanti di aziende private che supportano la comunicazione e la trasmissione dei dati. Nei prossimi giorni si vedrà fino a che punto ciò influirà sulla condotta delle operazioni ucraine e occidentali e sui tentativi di fermare la fase finale dell’offensiva russa su Bakhmut” [QUI] e [QUI]

“Questo è il primo attacco su larga scala contro il personale militare dei Paesi della NATO, e non si sa come reagiranno le capitali occidentali, anche se in caso di reazione sarebbe come riconoscendo la partecipazione attiva del personale militare alla guerra contro la Russia”, dice sempre ProNews.

 

Secondo un rappresentante ufficiale del Ministero della Difesa russo, il Generale Igor Konashenkov, le basi dei droni d’attacco sono state distrutte, il trasferimento delle riserve e il trasporto ferroviario di armi straniere sono stati interrotti e gli impianti di produzione per la riparazione di attrezzature militari e la produzione di munizioni sono state disattivate. [QUI]

Secondo il comandante in capo delle forze armate ucraine, Zaluzhny, sulle conseguenze dell’attacco russo su obiettivi ucraini nella notte tra l’8 e il 9 marzo, la parte russa ha lanciato 81 missili, tra cui Kh-47 Kinzhal, X -22, Kh-101 / Kh-555, nonché 8 UAV Geranium. Secondo Zelensky, “è stata una notte difficile” – come hanno notato gli osservatori, mentre il presidente dell’Ucraina sembrava un cane bastonato.

Le dichiarazioni dei funzionari ucraini non dicono nulla sulla distruzione del bunker della NATO e sulla morte del personale militare occidentale. Tuttavia, tra la stampa ucraina circolano informazioni secondo cui il 9 marzo una delegazione dello stato maggiore dell’Ucraina ha visitato l’ambasciata americana a Kiev, come si suppone, per trasferire gli elenchi degli americani morti durante l’attacco. [QUI]

“L’uso di missili ipersonici ha accresciuto l’ansia degli Stati Uniti e ha dimostrato che la Russia ha un’arma nucleare difficile da intercettare”, ha affermato il Washington Post. [QUI] Gli Stati Uniti non sono ancora stati in grado di sviluppare i propri missili con caratteristiche simili, il che rende i Paesi occidentali ancora più vulnerabili, hanno concluso gli autori del materiale.

 

 

Kinzhal è l’ultimo sistema russo con missili aerobalistici ipersonici trasportati da intercettori MiG-31K appositamente equipaggiati. Il missile ha una bassa visibilità radar e un’elevata manovrabilità ed è progettato per distruggere bersagli terrestri e marittimi. I complessi Kinzhal sono in servizio di combattimento sperimentale nelle forze armate RF da dicembre 2017. Ufficialmente, il primo utilizzo in combattimento di questi missili è avvenuto il 18 marzo 2022 durante la SVO.

Come ha affermato Yuriy Ignat, portavoce del comando dell’aeronautica ucraina, “non possiamo ancora contrastare questi missili, volano lungo una traiettoria balistica. Non abbiamo mezzi contro di loro”.

I test dell’anno scorso di un missile ipersonico americano alle Hawaii, si sono conclusi con un fallimento a causa di problemi di lancio, ha riferito Bloomberg citando una dichiarazione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.[QUI]

L’esercito russo ha lanciato un attacco missilistico contro le strutture infrastrutturali ucraine con un’ampia varietà di missili e droni aerei, distruggendo il quartier generale segreto della NATO in Ucraina, riporta WarFiles. Secondo l’Ucraina, gli attacchi sono stati tanti:

  • X-47 Kinzhal (“Pugnale”),
  • X-22,
  • X-101 / X-555,
  • UAV “Geran”.

In Ucraina, hanno immediatamente riferito che 34 missili sarebbero stati abbattuti e otto “a seguito di una risposta organizzata non hanno colpito gli obiettivi”.

Tuttavia, l’affermazione è dubbia per gli stessi cittadini ucraini che vedono volare sulle loro teste centinaia di missili, e ritengono che la difesa aerea “se fosse stata in grado di abbatterne qualcuno, al massimo ne avrebbe abbattuto un paio”.

 

 

La Russia utilizza i missili ipersonici Kinzhal in massicci attacchi contro l’Ucraina come rappresaglia per il terrore ucraino a Bryansk. [QUI]

La difesa aerea ucraina (e persino americana) non può abbattere il “Dagger” a un’altitudine di 20 km, e dopo che il missile ha guadagnato quota, cade ad alta velocità sul bersaglio e non si può fare nulla al riguardo.

“In effetti, l’attacco ha colpito i centri di controllo e pianificazione nei bunker, nonché le stazioni di difesa aerea/radar. Sono state registrate pesanti perdite di ufficiali, compresi gli americani. Sembra che il delegato della NATO “Shadow Staff” abbia ottenuto parecchio”, scrivono gli autori di “Military Materials”.

Successivamente, secondo la pubblicazione, i rappresentanti dello stato maggiore ucraino sono venuti all’ambasciata degli Stati Uniti, molto probabilmente per trasferire gli elenchi dei morti.

Si sa anche dei colpi sui sistemi di difesa aerea IRIS e NASAMS, che erano alimentati da missili fittizi e furono distrutti dagli X-men che volavano dietro di loro. Quasi immediatamente, i siti pubblici che hanno pubblicato queste informazioni sono stati bloccati.

Altrove, in un altro contesto, il capo del ministero dell’Energia ucraino, il tedesco Galushchenko, ha ammesso che l’attacco missilistico ha danneggiato almeno tre centrali termiche. In effetti, le installazioni energetiche e militari in un massimo di 12 regioni sono state colpite da un pesante fuoco. [QUI]

  1. Quale sarà adesso la reazione della NATO?
  2. D’altronde, che ci faceva un centro di comando NATO in territorio Ucraino?
  3. Chi l’ha costruito quel bunker? Chi lo gestiva? E che ci facevano quegli ufficiali ed esperti militari della NATO?
  4. Questa storia c’entra qualcosa con il drone MQ-9 decollato dalla base di Sigonella (Catania) caduto ieri nel Mar Nero, in acque internazionali? (secondo la versione USA abbattuto da caccia SU-27 russi, ma secondo la versione russa precipitato da solo) [QUI]

[ProNews]

1 thought on “Missile supersonico russo distrugge un centro di comando NATO in Ucraina

  1. La bestia ferita è molto pericolosa. Spero che tutto si risolva con una resa e la fine di questa carneficina. Pochi riescono a capire in che situazione di pericolo ci siamo cacciati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *