21 Settembre 2023

La verità sugli incendi in Canada

0

Il nord-est degli Stati Uniti è stato inghiottito da qualche giorno da un’enorme coltre di fumo proveniente dagli incendi che bruciano in Quebec da martedì. L’intera città di New York City è sparita dietro la foschia arancione.

Secondo quanto riferito, gli incendi hanno avuto origine in Quebec, in Canada. Il primo ministro Justin Trudeau ha postato un messaggio su Twitter per ringraziare Joe Biden per aver inviato centinaia di vigili del fuoco per aiutare aiutare a spegnere l’incendio, dando subito la colpa al cambiamento climatico. Gli ha fatto eco il governatore del New Jersey, Phil Murphy, nel fare cadere la responsabilità sui fantomatici cambiamenti climatici.

1. Immagini satellitari mostrano che gli incendi sono iniziati simultaneamente

Il geologo indipendente americano ed esperto di terremoti Michael JANITCH “Dutchsinse” ha detto:

“Gli incendi del Québec sono scoppiati in simultanea in una notte. È qualcosa di folle”.

Egli fa notare come una serie impressionante di incendi si sia verificata in zone diverse della stessa provincia ma in simultanea. Le immagini che ha catturato sono davvero sorprendenti e allo stesso tempo inspiegabili se viste in modo “naturale”.

Le immagini condivise da Wide Awake Media su Twitter mostrano pennacchi di fumo che si alzano da almeno 17 siti visibili separati (sono stati segnalati oltre 100 incendi separati) intorno alle 18:00 EST, secondo il video. Al secondo 47 nel video qui sotto, puoi vedere i fumi che iniziano a salire quasi simultaneamente dal Quebec centrale e sud-orientale. Le immagini satellitari del dipartimento di meteorologia del College of DuPage mostrano che, il 2 giugno, gli incendi scoppiati in Quebec, in Canada, sono iniziati tutti nello stesso momento. [QUI]

 

Un utente su Twitter ha condiviso una mappa che mostra diversi fulmini in Quebec tra le 4:00 e le 10:00 del 2 giugno.

 

 

È possibile che numerosi siti di incendio separati siano stati avviati da fulmini e contemporaneamente siano passate almeno 8 ore prima che il fumo fosse sufficientemente visibile dal satellite? Mentre il video collegato sopra suggerisce “terrorismo di qualche tipo… o un attacco”, la spiegazione ufficiale fornita dal ministro delle risorse naturali e delle foreste, Maïté Blanchette-Vézina è “fulmine”.

2. Un nuovo lock-down

In totale, l’agenzia per la protezione e la risposta agli incendi boschivi del Quebec ( SOPFEU)  sta mostrando 132 incendi che stanno attualmente bruciando in quella zona. Il Montreal Gazette ha riferito che oltre 152 erano attivi lunedì e 114 di questi erano “fuori controllo”.

Il fumo derivante dagli incendi ha costretto la popolazione della costa nord-est degli Stati Uniti a una brusca battuta d’arresto e ha costretto molti newyorkesi a tirare fuori le vecchie mascherine N95 dell’era COVID per contrastare il fumo che ha inghiottito la città, mentre oltre 10.000 residenti in Quebec sono stati costretti a evacuare.

3. La coltre di fumo ha ridotto del 50% la produzione di energia solare

La produzione di energia solare in alcune parti degli Stati Uniti nordorientali ha subito un duro colpo nelle ultime settimane, principalmente a causa del fumo degli incendi in Canada. Una fitta coltre di fumo ha fatto crollare di oltre il 50% la produzione di energia solare in queste aree.

 

I parchi solari che alimentano il New England, ad esempio, stanno generando il 56% in meno di energia nei periodi di picco della domanda rispetto a solo una settimana prima, secondo i dati di ISO-NE per Bloomberg .

ISO New England è un’organizzazione di trasmissione regionale indipendente senza scopo di lucro che fornisce servizi ai sei stati della regione del New England: Connecticut, Maine, Massachusetts, New Hampshire, Rhode Island e Vermont.

Inoltre, la produzione di energia nelle aree servite da PJM Interconnection LLC, che si estende dall’Illinois alla Carolina del Nord, è diminuita di circa il 25% rispetto alla settimana precedente.

“Una situazione come questa, è davvero senza precedenti”

ha dichiarato Matt Kakley, portavoce di ISO-New England che poi ha continuato:

“Non abbiamo molti dati storici su cui guardare indietro. C’è un po’ di apprendimento in tempo reale”.

Le immagini satellitari del dipartimento di meteorologia del College of DuPage mostrano pennacchi di fumo che si alzano da almeno 17 siti visibili separati (sono stati segnalati oltre 100 incendi separati) intorno alle 18:00 EST.

Allegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *