19 Luglio 2024

Il Bitcoin è una truffa della Mafia Cazara (o Khazara) aschenazita

0

I bitcoin sono stati creati dalla CIA su mandato della Mafia Cazara per alimentare giri finanziari non tracciabili funzionali al potere globalista, dal traffico di droga al traffico internazionale di bambini.

Questa evidenza è stata raggiunta dai crittografi che hanno trovato la prova di come Satoshi Nakamoto (il creatore di BTC) sia un ex trafficante di droga e informatore dei servizi di intelligence americani (CIA), Paul Le Roux. La prima transazione di Nakamoto è stata effettuata da Paul Le Roux ad Hal Finney il 12 gennaio 2009, quindi dalla CIA.

Martin Shkreli, il controverso uomo d’affari che ha trascorso quattro anni in prigione, afferma che Paul Le Roux, ex programmatore e capo del cartello della droga, è il vero Satoshi Nakamoto. E di essere riuscito a decifrare il trasferimento iniziale di BTC inviato al defunto pioniere della biotecnologia Hal Finney.

Chi è Paul Le Roux?

Paul Le Roux è un ex capo del cartello, informatore della DEA e programmatore di software. Egli ha creato un programma software di crittografia del disco open source per Windows, è stato arrestato nel 2012 dopo essere stato attirato in una trappola dalla Drug Enforcement Administration (DEA). Successivamente è stato accusato di traffico di droga, riciclaggio di denaro e crimini legati all’omicidio su commissione. Durante il periodo di scoperta della causa, Craig Wright ha presentato una mozione per un ordine di protezione e il deposito ha avuto un numero significativo di omissioni. Tuttavia, c’era una nota a piè di pagina non modificata nel deposito di Wright chiamata ” Documento 187 “, che era l’URL della pagina Wikipedia di Paul Le Roux.

 

Non appena questa nota è stata resa pubblica, è diventata virale sui forum di criptovaluta e sulle piattaforme di social media come Twitter, suggerendo che Le Roux fosse il creatore di Bitcoin e in qualche modo Wright ha ottenuto l’accesso ai dischi rigidi del criminale. D’altronde, Le Roux è responsabile della creazione di una piattaforma di crittografia del disco open source chiamata E4M. Inoltre, è stato rilasciato anche un fork di E4M chiamato “Truecrypt”, malgrado Le Roux neghi qualsiasi coinvolgimento nel progetto.

Un anonimo ha pubblicato uno screenshot della carta d’identità della Repubblica del Congo di Le Roux su 4chan nella quale Le Roux si fa chiamare “Paul Solotshi Calder Le Roux”. Inoltre, lo scrittore anonimo sulla bacheca di 4chan ha scritto:

Il Bitcoin era un progetto di un genio del male… Paul Solotshi Calder Le Roux. Lo intendeva semplicemente allo scopo di riciclare denaro… Sfortunatamente, poco dopo aver taciuto con l’identità di Satoshi, è stato catturato dalle forze dell’ordine e passerà il resto della sua vita a marcire in prigione.

 

Inoltre, un altro elemento di prova circostanziale legato a Le Roux è il suo Manifesto E4M che rafforza le idee di una “crittografia forte è il meccanismo”. Quindi, dopo che le voci secondo cui Le Roux sarebbe stato Satoshi si sono risolte nella primavera del 2019, a luglio il giornalista investigativo Evan Ratliff ha spiegato in un archivio di podcast di Bitcoin.com che pensa che Le Roux sia “il Satoshi più credibile di sempre”. Ratliff ha anche spiegato in un articolo di Wired che crede che la mente criminale Le Roux abbia creato la rete Bitcoin.

Il giornalista investigativo Evan Ratliff ha affermato di credere che Paul Le Roux sia il Satoshi Nakamoto più credibile di sempre.

Successivamente, con un colpo di scena a sorpresa nel 2020, Paul Le Roux ha detto al giudice federale di Manhattan, Ronnie Abrams, che avrebbe “avviato un’attività di vendita e hosting di minatori di bitcoin”. Le Roux ha dichiarato in dettaglio di aver creato un circuito integrato specifico per l’applicazione (ASIC) personalizzato con “ottimizzazioni speciali”.

“Queste ottimizzazioni mi hanno permesso di creare un progetto di chip ASIC, e quindi minatori ASIC, che hanno un ordine di grandezza più veloce nel mining di bitcoin rispetto a qualsiasi progetto attuale, a tal fine ho intenzione di pubblicare le mie conoscenze e abilità per un uso migliore e legale” – ha sottolineato Le Roux al giudice.

Discussioni sull’identità di Satoshi Nakamoto

Ci sono alcune prove circostanziali che Le Roux potrebbe essere Satoshi Nakamoto, ma obiettivamente manca la pistola fumante. Il famoso sviluppatore di Bitcoin Core Peter Wuille ha affermato che il post sul blog spiega solo il fatto che qualcuno con accesso alla chiave privata di Finney potrebbe aver firmato il messaggio rivendicato. È pur vero, però, che in casi come questo pretendere di trovare una pistola fumante sarebbe davvero da ingenui.

Dopo l’arresto di Sam Bankman Fried, Amministratore delegato del fondo di criptovalute FTX, nonché seconda persona fisica finanziatrice del Partito Democratico USA per le Midterm 2022 con 52 milioni di dollari (il primo finanziatore è stato George Soros con 132 milioni), chi ha ancora dubbi sulla bontà delle criptovalute si faccia un esame di coscienza. Non si nega che vi possano essere dei guadagni, ma questi possono considerarsi guadagni moralmente leciti? D’altra parte vi possono essere guadagni pure al Casinó o nel commercio di pornografia o di esseri umani.

Bisogna capire che le banche centrali proveranno a proteggere il loro potere con questi strumenti. D’altronde, è per questo che questi strumenti sono stati creati, ossia ritardare il più possibile quello che è inevitabile: il crollo del sistema della Mafia Cazara aschenazita e conosciuto in gergo come “SIGNORAGGIO BANCARIO”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *