20 Maggio 2024

Croazia: gli archeologi hanno scoperto un elmo greco antico di 2.500 anni che potrebbe riscrivere la storia degli Illiri

0

Gli archeologi hanno scoperto un antico elmo greco in tumuli nel sud della Croazia risalente ad almeno 2.500 anni fa. Si tratta di un grande ritrovamento che getta nuova luce sulla storia degli Illiri, popolo originario dell’Adriatico orientale e dei Balcani. Determinare i confini dell’antica Illiria è difficile per gli storici poiché, prima della conquista romana , tutti gli Illiri non furono mai uniti in un unico regno.

Gli archeologi estraggono l’elmo. MUSEI DI DUBROVNIK

Vicino al villaggio di Zakotarac sulla penisola di Peljesac , a circa 70 chilometri a nord-ovest di Dubrovnik , una squadra di archeologi, guidata da Hrvoje Potrebica dell’Università di Zagabria, ha scoperto diversi manufatti, tra cui gioielli preziosi e un elmo greco-illirico.

L’elmo è il secondo del suo genere ad essere trovato nella zona, dopo una scoperta simile nel 2020. Entrambi gli oggetti risalgono al V o VI secolo a.C., un periodo in cui gli storici ritengono che fiorissero le comunità illiriche locali.

Sebbene si sappia poco sulla cultura e sulla lingua degli Illiri, è noto che vivevano in clan. Si ritiene che la tribù che abitava la regione di Pelješac, nell’attuale Croazia meridionale, abbia prosperato grazie al controllo delle rotte commerciali marittime strategicamente importanti intorno alla penisola.

 

Elmo in bronzo di tipo illirico, classico, inizi del V secolo a.C. Greco, bronzo, alto circa 22 cm. Sul copricapo illirico, l’apertura per il viso è diritta, con una linea orizzontale sulla fronte e due verticali sui bordi interni degli zigomi. Due creste parallele sulla corona fiancheggiano l’apice. (Foto: Sepia Times/Universal Images Group tramite Getty Images)

Il primo elmo, scoperto in un tumulo insieme ad armi di ferro, apparteneva probabilmente a un membro dell’élite guerriera. Al contrario, l’elmo ritrovato si trovava in un’aggiunta in pietra a secco di una tomba, suggerendo che potrebbe essere stato un’offerta votiva.

“Entrambi sono stati trovati come oggetti separati, posizionati in un modo che suggerisce una sorta di pratica di culto”, spiega l’archeologo Hrvoje Potrebica dell’Università di Zagabria.

“Si tratta di doni votivi che venivano lasciati in segno di rispetto verso divinità o persone che qui furono sepolte. Non crediamo che siano collegati a nessuna persona specifica sepolta qui perché il sito contiene i resti di dozzine di persone”.

La scoperta di questi elmi è solo un aspetto degli scavi in ​​corso. Sono accompagnati da una ricchezza di doni preziosi, tra cui 15 forchette in bronzo e argento, gioielli a spirale in bronzo, pinze in bronzo, aghi, centinaia di perle di vetro e ambra, un diadema in bronzo e oltre trenta vasi di origine greca, molti dei quali realizzati in officine in Attica e in Italia.

La conquista romana e il suo impatto

Le tribù illiriche, che vivevano lungo l’Adriatico orientale almeno dal secondo millennio a.C., furono infine completamente sconfitte dagli invasori romani negli ultimi anni del I secolo a.C.

I loro siti e insediamenti culturali sembrano essere stati abbandonati circa 500 anni dopo il periodo pericapitato.

Lo storico croato Ivan Pamic afferma: “Questi tumuli furono probabilmente saccheggiati, probabilmente dai romani, che arrivarono qui negli ultimi decenni del I secolo a.C. A quel tempo Ottaviano , il futuro imperatore romano, condusse campagne militari contro l’Illiria nel Adriatico orientale”.

A quel tempo le città-stato greche fondarono fiorenti colonie in tutto il Mediterraneo , alcune delle più importanti nell’Adriatico si trovavano nelle attuali isole croate di Vis, Hvar e Korcula – proprio di fronte alla penisola di Pelješac.

Allegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *