22 Febbraio 2024

Banca canadese lancia una carta di credito legata alle emissioni di carbonio

0

I tecnocrati si muovono verso crediti di indennità di carbonio

Una banca in Canada è diventata la prima nel paese a lanciare una carta di credito che tiene traccia delle emissioni di carbonio di un cliente, tra le preoccupazioni che un tale schema possa un giorno essere utilizzato per limitare gli acquisti.

Nel tentativo dell’unione di credito di mostrare il suo impegno per “l’azione per il clima”, Vancity offrirà una carta di credito che collega gli acquisti alle emissioni di carbonio, consentendo ai clienti di confrontare la loro impronta di carbonio mensile con la media nazionale.

La banca consiglierà inoltre i clienti su come limitare la loro impronta di carbonio.

“Sappiamo che molti membri di Vancity sono alla ricerca di modi per ridurre l’impatto che hanno sull’ambiente, in particolare quando si tratta di emissioni che causano il cambiamento climatico”, ha affermato Jonathan Fowlie, Chief External Relations Officer di Vancity.

“In qualità di cooperativa finanziaria di proprietà dei soci, crediamo che sia nostro compito fare tutto il possibile per aiutare, soprattutto quando si tratta delle decisioni che le persone prendono con i loro soldi. Questo strumento fornirà ai titolari di carte di credito Vancity Visa informazioni preziose sui loro acquisti e consentirà loro di collegare le loro decisioni di spesa quotidiane al cambiamento che vogliono vedere nel mondo”.

Secondo una ricerca condotta da Visa, oltre il 50% dei canadesi è interessato a monitorare la propria impronta di carbonio.

Anche la Commonwealth Bank (CBA) australiana ha annunciato uno schema simile, dando al cliente la possibilità di “pagare una commissione” per compensare la propria impronta di carbonio, con una media di 1.280 chilogrammi, molto lontana dal “sostenibile” cifra di 200 chilogrammi.

Alleati con i blocchi climatici, i tecnocrati vogliono sfruttare l’isteria sul cambiamento climatico per aumentare il controllo finanziario sugli individui.

Tale proposta è stata presentata nella rivista scientifica Nature da quattro “esperti” ambientali come mezzo per ridurre le emissioni globali di carbonio.

A tutti i clienti verrebbe rilasciata una “carta di indennità di carbonio” “che comporterà che tutti gli adulti ricevano una quota di unità di carbonio negoziabile uguale, che si ridurrà nel tempo in linea con gli obiettivi nazionali da rispettare [di carbonio]”.

Gli autori chiariscono che il programma sarebbe una “politica obbligatoria nazionale”.

Le unità di carbonio verrebbero “detratte dal budget personale ad ogni pagamento di carburante per i trasporti, combustibili per il riscaldamento domestico e bollette dell’elettricità” e chiunque superi il limite sarebbe costretto ad acquistare unità aggiuntive nel mercato personale del carbonio da coloro che hanno un eccesso da vendere .”

Ciò naturalmente avrà solo un impatto negativo sulle persone più povere, con i ricchi in grado di acquistare crediti di carbonio in abbondanza e continuare a godere dei loro stili di vita sontuosi e opulenti irrispettosi dell’ambiente.

Australian Bank Begins Linking Customer Transactions to Carbon Footprint

https://www.mastercard.com/news/press/2021/april/mastercard-unveils-new-carbon-calculator-tool/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *