24 Giugno 2024

Alcuni dei loschi affari della famiglia Biden

L’ex socio in affari di Hunter Biden ha dichiarato di avere migliaia di nuove registrazioni, messaggi di testo, foto, e-mail e documenticje inchiodano la famiglia Biden in un giro d’affari multimilionario he conducono direttamente al Partito Comunista Cinese.

Hunter Biden (figlio del presidente USA), James Biden (fratello del presidente USA) e i loro soci in affari hanno creato una joint venture che sarebbe servita da veicolo per ottenere tale compensazione finanziaria e tale accordo è stato stipulato qualche tempo dopo un incontro a Miami tra Hunter Biden e i funzionari del CEFC nel febbraio 2017. Secondo la sintesi, quel veicolo si chiamava SinoHawk, che era posseduta al 50% da Oneida Holdings LLC (Oneida) e al 50% da Hudson West IV. Secondo il riassunto, Oneida era composta da cinque LLC equamente divise, una per ogni socio in affari, inclusi Hunter Biden e James Biden. Tuttavia, secondo il riassunto, il 10 percento degli interessi di Hunter Biden doveva essere detenuto per Joe Biden. In allegato a questa lettera c’è l’accordo operativo Oneida che elenca Hunter Biden, James Biden e i loro soci in affari e la percentuale di interesse per ciascun individuo.[3]  Di seguito è inclusa una copia del blocco di firma per l’accordo operativo Oneida che è stato firmato il 22 maggio 2017.

L’ex ufficiale militare statunitense Tony Bobulinski aveva un ruolo di primo piano nell’accordo della famiglia Biden con i loro partner commerciali legati al governo cinese e dalla documentazione in suo possesso emergerebbero attività criminali della famiglia Biden. Una fonte vicina alle indagini del Congresso ha condiviso una minima parte di questi documenti di Bobulinski con DailyMail.

Le prove di Bobulinski includono registrazioni audio di telefonate e incontri tra i partner nell’accordo multimilionario della famiglia Biden con il gigante petrolifero cinese CEFC, messaggi di testo WhatsApp e WeChat , e-mail, contratti, documenti aziendali e altri documenti.

Già il mese scorso Tony Bobulinski ha affermato martedì che il figlio e il fratello del presidente statunitense lo hanno truffato per milioni di dollari in un accordo per formare una joint venture con un’azienda cinese [Qui] e che tutto sarebbe stato tenuto nascosto dai media su pressioni dell’FBI durante il periodo delle elezioni presidenziali del 2020 che aveva etichettato tutto come “disinformazione russa” come ammise l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg all’ospite del podcast Joe Rogan ad agosto secondo cui il noto social ha represso lo scandalo dei laptop Hunter Biden [Qui].

Bobulinski ha affermato che il presidente Joe Biden direttamente era coinvolto nell’accordo cinese e presumibilmente lo avrebbe incontrato due volte nel 2017 per discuterne con Hunter e il fratello del presidente, Jim Biden, sebbene il presidente Biden abbia negato il coinvolgimento più volte.

Il Daily Mail ha ottenuto una chat di gruppo tra Bobulinski, il direttore esecutivo del CEFC Zang Jianjun e l’interprete Henry Zhao sull’app di messaggistica cinese WeChat.

“Ciao Tony, nel gruppo siamo Direttore, io e te. Mi ha solo chiesto di comunicare diversi punti”, ha scritto Zhao.

“I più cordiali saluti a te, alla famiglia Biden e agli altri nostri amici!”

Zhao ha quindi fatto riferimento ai 10 milioni di dollari che CEFC aveva promesso di investire nell’impresa dei Biden, 5 milioni di dollari in anticipo e altri 5 milioni di dollari sotto forma di prestito. I messaggi di testo sono un’ulteriore conferma che Hunter e la sua famiglia avevano un accordo di 10 milioni di dollari con i cinesi, come indicato nei documenti inviati questo mese dai senatori Chuck Grassley e Ron Johnson al procuratore del Delaware che indagava su Hunter per presunti reati fiscali, riciclaggio di denaro e stranieri illegali lobbying.

Il direttore Zang è stato una figura chiave nell’accordo di Biden con il CEFC, ha numerosi stretti legami con il Partito Comunista Cinese, si è recato a Mosca con il presidente Xi Jinping per siglare un accordo petrolifero con Putin e ha riferito a Xi sull’accordo con i Biden, secondo i testi di Hunter.

Jim Biden, fratello del presidente degli Stati Uniti, era socio in affari con l’imprenditore cinese che aveva un accordo che ha fatto guadagnare milioni di dollari alla famiglia Biden

Zang è stata una figura chiave nei rapporti della famiglia con il CEFC e lui stesso ha rapporti stretti con il Partito Comunista Cinese. Secondo quanto riferito, si è recato a Mosca con il presidente Xi Jinping per assicurarsi un accordo petrolifero con Vladimir Putin e ha riferito a Xi dell’accordo con i Biden, secondo i messaggi di Hunter.

In un altro messaggio, Hunter aveva invitato Bobulinski a incontrare il presidente al Milken Institute di Los Angeles nel maggio 2017 mentre l’accordo di Biden con la Cina diventava più intenso. I documenti che stanno trapelando sembrano dimostrare le affermazioni di Bobulinski di aver incontrato il presidente Biden e di aver chiesto informazioni sui suoi affari cinesi, cosa che Biden ha negato più volte.

Bobulinski ha anche condiviso una delle sue registrazioni delle chiamate con Fox News nell’ottobre 2020.

La registrazione è stata trasmessa durante la sua intervista con Tucker Carlson , con una breve clip in cui Bobulinski ha detto a Rob Walker, un altro partner nell’accordo cinese, che avrebbe denunciato se la Prima Famiglia non fosse stata chiara.

In un messaggio scioccante del maggio 2017, Hunter avrebbe affermato che suo padre era coinvolto nella negoziazione dell’accordo con il CEFC.

Il rappresentante degli Stati Uniti James Comer ha dichiarato di essere pronto a lanciare un’indagine sugli affari della famiglia Biden nei mesi successivi.

Il direttore esecutivo del CEFC Zang Jianjun ha stretti legami con il Partito Comunista Cinese e si è recato a Mosca con il presidente Xi Jinping per siglare un accordo petrolifero con Vladimir Putin

Questo potrebbe accendere una nuova luce nell’indagine penale federale contro Hunter Biden.

Il procuratore del Delaware David Weiss afferma di essere vicino ad accusare il figlio del presidente di reati fiscali dopo un’indagine durata quattro anni.

Le accuse includono riciclaggio di denaro, lobbying straniero illegale e crimini con armi da fuoco, ha affermato Weiss.

L’ FBI è in possesso del laptop di Hunter , che contiene migliaia di e-mail, messaggi di testo, documenti e foto, da dicembre 2019.

Seppure lentamente rispetto alla tempistica delle emozioni popolari, la questione sembra giungere gradualmente a una conclusione. Per questo il 23 ottobre scorso scrivevamo: [qui]

Hunter Biden sarà arrestato e farà cadere suo padre…