22 Febbraio 2024

Taiwan è uno stato insulare semiriconosciuto, poiché ad oggi ha relazioni diplomatiche con appena 14 Paesi. Ciò significa che solo 14 degli oltre 200 membri delle Nazioni Unite riconoscono Taiwan come una nazione indipendente a tutti gli effetti. Storicamente, l’isola si è spesso allontanata dalla Cina continentale, ma Taiwan come la conosciamo oggi è il risultato dell’evacuazione sull’isola dei membri del partito del Kuomintang usciti sconfitti dalla guerra civile cinese nel 1950, il più grande partito politico del mondo in termini di appartenenza. Entrambe le entità statali sorte da allora continuano a sostenere specularmente di essere l’unica autorità legittima rappresentante l’intera Cina. A quel tempo, sia il Kuomintang che il Partito Comunista Cinese consideravano l’isolamento politico dell’isola dalla terraferma un fenomeno temporaneo. Però fino ad ora i territori sono divisi non solo geograficamente, ma anche politicamente, sebbene non ci sia mai stata una guerra tra Paesi chiamati Taiwan e Cina. Ciascuno dei governi (comunista sulla Cina continentale e il Kuomintang sull’isola) considera la Cina come un unico Paese e se stesso come il rappresentante del potere supremo in tutti i territori cinesi. Tuttavia, la Repubblica popolare cinese si sta comportando in modo più aggressivo, giurando costantemente che annetterà l’isola a se stessa unendo la patria e definisce il governo democraticamente eletto dell’isola con 26 milioni di persone come criminali e truffatori. Di tanto in tanto la situazione intorno all’isola si accende e si è sul punto di iniziare una guerra, ma poi iniziano le trattative.

L’inizio del conflitto

Le tensioni tra l’isola e Pechino non si sono mai placate, anzi periodicamente vi è un’acuirsi nelle relazioni tra Pechino e Taipei (ad esempio nel 1994), ma il cambio di governo a Taiwan ha portato a un inasprimento della posizione degli isolani rispetto alla Cina continentale. Così, un altro round di tensione su entrambi i lati dello Stretto si è intensificato dopo l’elezione di Tsai Ing-wen, un rappresentante del Partito Democratico, a Presidente di Taiwan nel 2016 che ha rifiutato la formula approvata dal suo predecessore di non espandere i legami con altri Stati fuori lo Stretto di Taiwan e così i due Paesi sono tornati nella Guerra Fredda. Nel frattempo Pechino è diventata sempre più aggressiva con continui voli provocatori di caccia e bombardieri nello spazio aereo dell’isola. Alcuni analisti temono che un attacco cinese a Taiwan possa trascinare gli Stati Uniti in una guerra con la Cina. E nessuno difenderà Taiwan, dal momento che ufficialmente questo stato è riconosciuto solo da quattordici Paesi membri dell’ONU.

È importante notare che fin dall’antichità Taiwan ha alternato periodi in cui è stata sotto la giurisdizione della Cina ad altri in cui è stata indipendente, ed è stata spesso luogo di concentramento di pirati. Per un periodo passò sotto il dominio del Giappone (dal 1895 al 1949). Pertanto, si può affermare che a causa della distanza geografica dalla terraferma, a Taiwan si sono sviluppate tradizioni uniche, uno stile di vita e persino un dialetto linguistico separato tra la popolazione dell’isola.

 

La definitiva separazione dell’isola dalla Cina avvenne nel 1950, quando i comunisti, che vinsero la guerra civile sulla terraferma del Paese, cacciarono i rappresentanti del partito borghese del Kuomintang, insieme al leader del Paese, il generale Chiang Kai- shek, nell’isola di Taiwan. Se parliamo brevemente del conflitto tra Cina e Taiwan prima del 1995, allora questo è un conflitto tra i comunisti e i loro oppositori politici. Quasi tutti quelli che si sono trasferiti sull’isola appartenevano a persone che non erano d’accordo con le idee di Mao Zedong. Entrambe le parti consideravano temporanea la divisione del paese e progettavano di restituire i territori, ma non ha funzionato.

Fino al 1971, la maggior parte dei Paesi del mondo riconosceva la Repubblica di Cina situata sull’isola di Taiwan come stato legittimo, e il seggio nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non apparteneva a Pechino, ma a Taipei. Tuttavia, dopo il 1971 tutto è cambiato. Più si rafforzava l’economia cinese e la sua influenza nel mondo, più i Paesi rompevano le relazioni diplomatiche con Taiwan e rafforzavano quelle con Pechino. Oggi, solo quattordici stati mantengono relazioni diplomatiche formali con Taiwan. Nessun governo ha mai mantenuto relazioni diplomatiche ufficiali con Cina e Taiwan contemporaneamente.

Nel 1992, entrambe le parti hanno persino adottato un atto congiunto in cui riconoscevano la Cina come una sola nazione, ma le opinioni su una Cina unita tra comunisti e taiwanesi erano molto diverse e ancora divergono; ma purtroppo, la storia del conflitto tra Taiwan e la Cina non è finita qui.

Sviluppo dell’isola

Essendo vicino a un gigante economico aggressivo, ha fatto sì che anche Taiwan divenisse una delle principali economie del mondo. Infatti, Taiwan è il più grande produttore a contratto di chip semiconduttori al mondo e il suo settore è in piena espansione nonostante le tensioni nello Stretto con la Cina. Inoltre, sia la Cina che gli Stati Uniti, il più stretto alleato di Taiwan (e praticamente l’unico) al mondo, dipendono da questi chip. Nel 2020, le aziende taiwanesi hanno rappresentato oltre il 60% dei ricavi dei produttori globali di semiconduttori a contratto.

I chip TSMC taiwanesi, prodotti dal più grande produttore di chip a contratto del mondo, è il principale fornitore dei principali produttori mondiali di smartphone Apple. Fornisce inoltre servizi ad altre società negli Stati Uniti. TSMC è una delle due sole società al mondo (l’altra è la Samsung della Corea del Sud) con la capacità tecnologica di produrre i chip più piccoli e avanzati, producendone oltre il 90%.

Sì, bisogna ammettere che l’economia di Taiwan dipende dal commercio con la Cina, che è il principale partner commerciale dell’isola. Tuttavia, le loro relazioni economiche sono vacillate negli ultimi anni, in parte a causa della pressione di Pechino sull’isola e delle crescenti preoccupazioni dei funzionari taiwanesi sull’eccessiva dipendenza dell’isola dal commercio con la Cina.

Sotto il presidente Ma, al potere dal 2008 al 2016, Taiwan ha firmato più di venti accordi con la Cina, incluso il quadro di cooperazione economica attraverso lo Stretto del 2010, in cui le parti hanno deciso di rimuovere le barriere al commercio. Cina e Taiwan hanno ripreso i collegamenti diretti marittimi, aerei e postali che erano stati interrotti decenni fa. I governi di entrambi i Paesi hanno anche deciso di consentire lo scambio a banche, assicuratori e altri fornitori di servizi finanziari di operare nei mercati di entrambi i Paesi.

Sicuramente un conflitto tra Cina e Taiwan non è solo un confronto geopolitico, ma anche economico. Tuttavia, i leader commerciali dell’isola di Taiwan hanno provato a diversificare le relazioni commerciali con risultati contrastanti. Con l’avvento al potere del Partito Democratico che rappresenta le forze anti-cinesi, l’atteggiamento dell’isola nei confronti della Cina continentale è cambiato. Tsai ha avuto un certo successo nell’aumentare il commercio e gli investimenti nel sud-est asiatico e nell’Indo-Pacifico attraverso la nuova iniziativa New Southbound Policy. Ciò ha intensificato il conflitto tra i Paesi. Il commercio tra Taiwan e i diciotto Paesi presi di mira è cresciuto di oltre 50 miliardi di dollari tra il 2016 e il 2021 e gli investimenti taiwanesi in questi Paesi continuano a crescere costantemente.

Tuttavia, gli uomini d’affari taiwanesi non hanno lasciato il mercato promettente. Gli accordi sono validi fino ad oggi, quindi è impossibile vietare agli imprenditori di visitare la Cina continentale e fare affari lì. La Cina è interessata a un’interazione il più stretta possibile con l’élite commerciale dell’isola per avere una base per la futura integrazione che continua a considera come una sua provincia.

Pechino e Taiwan adesso

La Cina non solo non riconosce l’indipendenza di Taiwan, ma non riconosce nemmeno il fatto che questo territorio si autodetermini separatamente dalla volontà di Pechino. Pertanto, il problema di Taiwan e della Cina non è così facile da risolvere come potrebbe sembrare a prima vista. Sebbene la Repubblica Popolare Cinese offra a Taiwan un’autonomia temporanea, così come ha fatto con Hong Kong, la vuole sotto il proprio governo, mentre i taiwanesi non sono molto euforisi di entrare a far parte del governo continentale di Pechino. Il fatto è che ora Pechino sta imponendo attivamente i suoi principi e i suoi programmi ai leader politici di Hong Kong, e l’autonomia di Hong Kong di fatto è rimasta solo sulla carta. Tuttavia, Taiwan ha paura di un confronto militare con cui non può comptere e fino adesso ha usato la tattica dei negoziati.

Taipei cerca di trovare un’alternativa al progetto cinese “One Belt, One Road”. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono già preoccupati che in questo modo le merci cinesi penetrino in tutti i mercati del mondo e spiazzino altri produttori.

Nell’ambito del progetto One Belt, One Road, Pechino assegna denaro agli stati di tutto il mondo, chiedendo in cambio una stretta obbedienza in materia di economia e politica.

Taiwan non può competere con Pechino nemmeno sul piano commerciale nello stringere accordi con i Paesi del mondo. La portata degli interessi di Taipei è limitata solo al sud-est asiatico, cioè ai paesi vicini. Molti soldi vengono stanziati per rafforzare le relazioni con Giappone, Corea del Sud, Thailandia, Vietnam, Filippine e altre economie della regione. Fortunatamente, la Cina è riuscita a litigare con tutti i suoi vicini, presentando loro costantemente rivendicazioni territoriali. Pertanto, ci sono molti che vogliono ricevere denaro da Taipei. Anche per questo Pechino ha aumentato la sua aggressività nei confronti degli isolani: la Cina non ha affatto bisogno di concorrenza nel commercio.

In generale, i rapporti tra la Cina e la sua “provincia”, specie negli ultimi anni, possono essere definiti estremamente tesi. Paradossalmente, il Partito Comunista Cinese al potere sulla terraferma ha trovato molto più facile trattare con l’egemone di lunga data di Taiwan nell’arena politica, il Partito Kuomintang, che è stato rovesciato da loro nel 1949, che con il Partito Democratico filoamericano ora al timone .

Ruolo degli Stati Uniti nel conflitto

Gli Stati Uniti, sebbene abbiano sostenuto l’indipendenza dell’isola, hanno essi stessi relazioni diplomatiche con la Repubblica popolare cinese e non con Taipei. Ci sono missioni diplomatiche americane sull’isola, ma sotto il nome di “American Institute in Taiwan”; tuttavia, gli Stati Uniti sono molto diffidenti sulla questione del riconoscimento.

Gli americani conducono costantemente esercitazioni congiunte con i taiwanesi nel caso scoppi un conflitto tra Cina e Taiwan. Inoltre, Washington sta investendo molti soldi nell’economia dell’isola. Alcuni esperti sostengono che la dipendenza delle società statunitensi da spedizioni tempestive di chip taiwanesi aumenti la motivazione dei governi statali a difendere Taiwan dall’attacco cinese. La Cina vuole anche prendere l’industria high-tech di Taiwan sotto la propria ala in modo che gli smartphone cinesi di Huawei possano competere ad armi pari con Apple e Samsung.

Agli americani non piace l’interazione tra l’isola e Pechino e hanno spinto TSMC a interrompere le vendite alle società cinesi, tra cui Huawei, il gigante cinese delle telecomunicazioni che Washington afferma che Pechino potrebbe utilizzare per lo spionaggio. Ora sul mercato, la stragrande maggioranza dei prodotti high-tech del settore sono prodotti dall’azienda americana Apple e dalla sudcoreana Samsung, ma tutto può cambiare se la cinese Huawei ottiene l’accesso ai chip.

Il 2 agosto, la presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha visitato Taiwan nell’ambito del suo tour asiatico, nonostante il divieto delle autorità cinesi. La Pelosi ha sottolineato che il suo viaggio non era circoscritto a Taiwan e rientrava in un programma che consisteva nel visitare tutti i Paesi alleati della regione. All’arrivo, Pelosi ha affermato che gli Stati Uniti sostengono un Taiwan democratico, il che indica un miglioramento delle relazioni tra i Paesi e una probabile escalation del conflitto con la Cina continentale.

Il 29 settembre, l’ambasciatore degli Stati Uniti in Cina Nicholas Burns ha parlato al vertice asiatico a Singapore, invitando le autorità cinesi a riprendere il dialogo con le autorità statunitensi , interrotto dopo la visita di Nancy Pelosi a Taiwan. “Non abbiamo alcuna intenzione di interrompere [i legami economici con la Cina]”, ha detto Burns.

Il 26 ottobre, Ma Xiaoguang, portavoce dell’Ufficio per gli affari di Taiwan del Consiglio di Stato della Repubblica popolare cinese, ha dichiarato in una conferenza stampa che le autorità cinesi potrebbero usare la forza militare per riunire Taiwan alla Cona continentale della terraferma.

“Non promettiamo che ci asterremo dall’uso della forza militare. La Cina si riserva il diritto di scegliere tutte le misure necessarie per l’eventuale riunificazione con Taiwan. <…> La Cina assume una posizione immutabile e chiara su Taiwan”.

In risposta, il 29 ottobre, il capo del Consiglio per gli affari della Cina continentale, Chu Taisang, ha dichiarato:

“La Cina deve mantenere la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan. Per fare questo, Pechino deve fare una rivoluzione nella coscienza e smettere di lottare per risolvere i problemi con la forza. Allora la Cina potrà tornare a un dialogo costruttivo senza precondizioni”.

 

Stato internazionale

Gli eventi in Ucraina all’inizio del 2022 hanno riacceso il dibattito sulla possibile annessione forzata dell’isola di Taiwan alla Cina continentale. L’esercito cinese è molto più potente di quello taiwanese. Alcuni analisti hanno affermato che l’ambiente politico potrebbe spingere Pechino a invadere Taiwan, mentre altri hanno affermato che le autorità potrebbero diventare più caute dopo aver visto con quanta durezza i paesi di tutto il mondo hanno reagito alle azioni della Russia. La maggior parte degli specialisti ritiene che le azioni della Russia non influenzeranno la volontà dell’EPL di usare la forza, ma che “i leader cinesi studieranno i fallimenti della Russia e adatteranno i loro piani operativi per evitare tali errori”.

Ora, lo stato politico dell’isola è in una specie di stato congelato. Lo status quo è rispettato su chi possiede l’isola e cosa conta come la Cina centrale, la Repubblica di Cina a Taiwan o la Repubblica Popolare Cinese sulla terraferma. Il problema è che Taiwan non ha mai dichiarato la propria indipendenza. De jure, il governo militare all’inizio considerava la riconquista della terraferma una questione di diversi anni, e ora i politici definiscono la Cina continentale un territorio occupato, ma ancora appartenente alla Repubblica di Cina. E poiché l’indipendenza non è stata dichiarata, allora come riconoscere l’isola come Stato indipendente?

Gli analisti hanno affermato che in caso di guerra, l’isola non sarebbe in grado di difendersi da un attacco della Cina senza il supporto esterno. Sebbene il presidente Tsai abbia reso una priorità politica l’aumento della spesa per la difesa, con un budget record di quasi 17 miliardi di dollari per il 2022, si stima che la spesa militare cinese sia circa ventidue volte quella di Taiwan.

Nel 2022, i legislatori taiwanesi hanno approvato il piano del governo Tsai di spendere altri 8,6 miliardi di dollari per la difesa nei prossimi cinque anni. Parte di questo aumento del budget militare andrà all’acquisizione di missili da crociera, mine navali e sistemi di sorveglianza avanzati per proteggere la costa di Taiwan.

Quali paesi riconoscono Taiwan?

Come detto sono appena 14 i Paesi che riconoscono Taiwan come Stato indipendente, e va alrtesì sottolineato che nessuno Stato al mondo ha aperto contemporaneamente le ambasciate a Pechino e Taipei. Il riconoscimento di uno Stato comporta immediatamente una rottura dei rapporti con l’altro.

Tra i Paesi che hanno riconosciuto Taiwan, ci sono quelli che in realtà non hanno mai riconosciuto la Repubblica Popolare Cinese, continuando automaticamente a riconoscere la Repubblica di Cina come la Cina principale (il Vaticano dal 1942, il Guatemala dal 1933, l’Honduras dal 1942). Però la maggior parte di loro è comunque “passata” dalle relazioni con la Cina alla parte dell’alleato americano. È chiaro che senza l’influenza degli Stati Uniti ciò non sarebbe accaduto. Ci sono poi Paesi che hanno prima riconosciuto la Cina, successivamente Taiwan e interrotto nuovamente le relazioni come ad esempio il Panama.

Sotto la pressione della Cina, molti Paesi si rifiutano di aprire ambasciate ufficiali, per paura di un conflitto con Pechino, ma aprono comunque rappresentanze sotto altri nomi nella capitale dell’isola. Taiwan si sta vendicando chiamando tali uffici di rappresentanza “uffici di rappresentanza di Taiwan”. Pertanto, Pechino e Taiwan sono ancora nel limbo l’una rispetto all’altra.