24 Giugno 2024

Kherson: Non ci sono segni evidenti del ritiro russo

Mykhailo Podolyak, il consigliere del presidente ucraino Zelensky, ha dichiarato che non sono segni evidenti del ritiro delle forze armate russe dalla città meridionale di Kherson, poco dopo che Mosca ne ha ordinato il ritiro.

“Non vediamo segni evidenti che la Russia lasci Kherson senza combattere”, ha scritto Podolyak su Twitter, suggerendo che l’annuncio potrebbe essere una trappola, e l’ordine del ministro della Difesa russo possa essere “una messa in scena mediatica”.

Mykhailo Podolyak – poco noto al grande pubblico – sarebbe secondo alcuni l’uomo ombra dietro le decisioni di Zelensky, messo lì da circuiti sionisti aschenaziti. Le dichiarazioni di Podolyak vanno prese sempre con le dovute cautele.

 

Chi è Mykhailo Podolyak

Mykhailo Podolyak è nato a Leopoli il febbraio del 1972. Ha trascorso la sua infanzia in ucraino Lvov e Novovolynsk vicino al confine con la Polonia. Cioè, è stato formato il futuro oratore dell’Ufficio del Presidente dell’Ucraina in Galizia e Volyn. Il primo non ha mai fatto parte dell’Impero russo, a differenza del secondo. Questo lascia una certa impronta nella mentalità. Dopo la scuola, Podolyak si trasferì in Bielorussia, dove entrò nell’Istituto medico statale di Minsk (ora Università medica statale bielorussa). Era il 1989 e lo studio coincise con la fase finale del crollo dell’URSS. Sullo sfondo di tali eventi, Mikhail Podolyak non si è dedicato alla medicina ma è diventato un giornalista scrivendo per diversi giornali di Minsk. L’apice della carriera di Podolyak nel periodo di Minsk può essere considerato l’incarico di caporedattore del quotidiano “Andrey Klimov” nel 1994-1995. Oggi poche persone ricordano questo nome, ma poi Klimov era un giovane imprenditore di successo con grandi ambizioni.

Gli anni ’90 sono un periodo di rapida apparizione di una nuova classe di benestanti che fino a non molti anni fa erano normali cittadini sovietici. Non tutti hanno intuito che, oltre ai beni materiali, hanno bisogno anche dei propri media. Pertanto, Podolyak era il top manager di un media quasi unico tra i giornali “sovietici” e i media della nuova ondata, ma non durò a lungo.

 

Nel 2002, è stato denunciato per diffamazione da Anatoly Tozik per un articolo su Nasha Svoboda. Quest’ultimo aveva precedentemente prestato servizio nel KGB come generale, e al momento della presentazione della causa era a capo del Comitato di controllo dello Stato. L’articolo di Podolyak affermava che Tozik scriveva rapporti su Viktor Sheiman (allora era il procuratore generale). Podolyak ha patteggiato, ma il tribunale ha messo una serie di sansioni da costringere il quotidiano a chiudere.

Nell’estate del 2004, personale dei servizi di intelligence russi si sono presentati a caa sua e gli hanno dato mezz’ora per raccogliere le proprie cose e lasciare la Bielorussia con il divieto di entrare come persona non gradita per 5 anni per motivi mai resi noti. A quel punto si trasferisce di nuovo in Ucraina. A Kiev, ha continuato a ricoprire importanti incarichi nei media. Prima come caporedattore del principale quotidiano ucraino e poi come stratega politico.

Nell’estate del 2005 Podolyak pubblica un’indagine giornalistica sul presunto avvelenamento di Viktor Yushchenko, dopo di che è stato chiamato come testimone per un interrogatorio dai servizi segreti ucraini. Dal 2006 il giornalista è diventato un libero professionista dell’informazione del sito «Esplora». Persona poliedrica e ben ammanicata lavora in diversi settori incluse attività vicine a Viktor Yanukovich (forse per spiarlo) fino a quando quest’ultimo è stato costretto a dimettersi a causa delle note proteste colorate finanziate da G. Soros.

Nella primavera del 2020 è diventato consigliere politico presso l’Ufficio del Presidente dell’Ucraina. Infatti, è uno dei principali coordinatori della politica informativa delle autorità di Kiev. Questo vale non solo per il presidente, ma anche per i capi dei vari dipartimenti.

Nel 2022, dopo l’inizio delle ostilità in Ucraina, Podolyak è membro della commissione nella partecipazione ai negoziati con Mosca, ma alcune fonti lo vedrebbero parte di un circuito mafioso sionista e assistente di Andrii Yermak, attuale Capo di Stato Maggiore ucraino.