19 Luglio 2024

Salgono le tensioni al confine tra India e Cina

0

Nei giorni scorsi l’India ha accusato la Cina di avere provato a penetrare il territorio indiano. Intanto immagini satellitari mostrano un concentramento di forze militari e aeree al confine tra le due potenze nucleari.

Le notizie che arrivano dal confine himalayano non sono rassicuranti. Nei giorni scorsi soldati indiani e cinesi al confine hanno avuto delle scaramucce che ha prodotto pure dei feriti in entrambi gli eserciti nel confronto avvenuto nel settore Tawang, nel territorio nord-orientale indiano dell’Arunachal Pradesh – dichiara il ministero della Difesa indiano in una nota riportata dalla CNN. L’area non è solo strategicamente importante ma è anche carica di simbolismo politico, in quanto luogo di nascita del sesto Dalai Lama e sede del più grande monastero buddista dell’India.

L’India ha preso il controllo della regione nel 1951, lo stesso anno in cui la Cina ha annesso il Tibet, mandando in esilio in India l’attuale Dalai Lama (che ora ha 87 anni) otto anni dopo. Il confine conteso lungo 3.379 chilometri è da tempo argomento di scontro politico tra Nuova Delhi e Pechino, con tensioni che si sono intensificate bruscamente negli ultimi due anni. Il governo indiano accusa la Cina di prepararsi a invadere l’India.

Le immagini satellitari ad alta risoluzione scattate pochi giorni dopo gli scontri a Tawang, nell’Arunachal Pradesh, indicano che Pechino ha posizionato un gran numero di droni e aerei da combattimento nelle principali basi aeree tibetane, che sono schierate contro il nord-est dell’India facendo sorgere il sospetto che si prepari a delle azioni militari contro l’India.

 

Il nuovo WZ-7 Soaring Dragon cinese all’aeroporto di Changdu Bangda

Le immagini di Maxar arrivano mentre l’aeronautica militare indiana mantiene pattuglie aeree da combattimento nei cieli dell’Arunachal Pradesh a causa dell’aumento dell’attività aerea cinese. Nelle ultime settimane, l’Air Force ha anche fatto decollare i suoi aerei da combattimento in almeno due occasioni dopo aver rilevato aerei cinesi che minacciavano di violare lo spazio aereo indiano sopra Arunachal.

Un’immagine dalla base aerea cinese di Bangda, che si trova a soli 150 km a nord-est del confine dell’Arunachal Pradesh, mostra la presenza di un drone WZ-7 “Soaring Dragon” all’avanguardia. Svelato ufficialmente per la prima volta nel 2021, il Soaring Dragon, che può volare ininterrottamente fino a 10 ore, è progettato per missioni di intelligence, sorveglianza e ricognizione e potrebbe essere in grado di trasmettere dati per consentire ai missili da crociera di colpire obiettivi a terra .

Il nuovo WZ-7 Soaring Dragon cinese viene preparato per le operazioni all’aeroporto di Changdu Bangda.

Le immagini del 14 dicembre della base aerea di Bangda mostrano anche due caccia di tipo Flanker sulla linea di volo. Si tratta di varianti made in China del caccia Su-30MKI di progettazione russa gestito dall’aeronautica militare indiana.

Le piattaforme osservate nelle immagini satellitari insieme ad altri rapporti recenti evidenziano un’ampia gamma di piattaforme di lunga durata che la Cina può utilizzare per affaticare, impegnarsi e monitorare i movimenti indiani nelle zone di conflitto.

Le immagini di Bangda coincidono con le principali esercitazioni dell’aeronautica indiana sull’Arunachal Pradesh la scorsa settimana e indicano un impegno da parte della Cina di monitorare i wargame, valutare le tattiche Indian Air Force (IAF) e rilevare radar ed emissioni elettroniche indiane, dati preziosi che possono essere utilizzati per contrastare l’IAF in caso di conflitto effettivo.

Espansione della pista in corso all’aeroporto di Lhasa Gonggar il 24 novembre 2022

L’aggiornamento da parte della Cina delle sue basi aeree e delle sue risorse aeronautiche, inclusi caccia, mezzi di trasporto, droni, guerra elettronica e risorse di ricognizione dall’inizio della tensione al confine con l’India nel 2020 è stato sconcertante per qualsiasi definizione. Da allora in Tibet c’è stato un massiccio sviluppo di difese aeree terrestri, eliporti, fortificazioni con la costruzione di linee ferroviarie a supporto della spinta infrastrutturale.

“Negli ultimi anni, abbiamo monitorato l’espansione della potenza aerea della Cina lungo il confine con l’India, osservando l’espansione e il rinnovamento delle basi aeree insieme alla costruzione di nuovi aeroporti ed eliporti”, afferma Damien Symon, un analista di immagini ampiamente pubblicato con Laboratorio Intel che ha documentato la crescita dell’infrastruttura militare e associata della Cina lungo la sua frontiera con l’India. “Questo sviluppo è accelerato a un livello senza precedenti negli ultimi anni, creando nuove rotte di rifornimento e migliorando la connettività per le forze cinesi attraverso il Tibet e il Ladakh orientale”.

Le immagini in questo rapporto mostrano lo sviluppo di tre basi aeree chiave: Bangda (a 150 km dal confine di Arunachal), Lhasa (a 260 km dal confine) e Shigatse (a 150 km dal confine con il Sikkim). A Lhasa, ci sono chiare prove dell’attività di espansione in corso, compresa la costruzione di una seconda pista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *