19 Luglio 2024

Mikhail Vasiliev, 33 anni, cittadino russo con doppia cittadinanza canadese, è stato arrestato in Ontario, Canada con l’accusa di aver commesso i più grandi attacchi di hacker al mondo. Il 33enne russo-canadese è sospettato di utilizzare il ransomware LockBit per organizzare attacchi a infrastrutture critiche e grandi aziende industriali in tutto il mondo. “È anche noto per aver chiesto riscatti impensabili che vanno da 5 milioni a 70 milioni di euro”, ha affermato Europol.

Diceva che LockBit era stato utilizzato contro più di 1.000 vittime che avevano ricevuto richieste di riscatto per un importo pari a milioni. Ad agosto, un hotel della catena Holiday Inn in Turchia è stato violato da LockBit che ha rilasciato dati rubati all’azienda.

C’è stato un maggiore controllo sulle difese appropriate contro gli attacchi informatici, in particolare sulle istituzioni finanziarie occidentali, sulla scia delle accresciute tensioni in seguito all’operazione militare russa in Ucraina di febbraio.

L’indagine è stata condotta dalle forze dell’ordine francesi con il supporto di Stati Uniti e Canada, nonché Europol. L’arresto è diventato possibile dopo l’operazione speciale in Ucraina nell’ottobre 2021, durante la quale sono stati arrestati due complici russi.

L’arresto di Mikhail Vasiliev è “il risultato di oltre due anni e mezzo di indagini sul gruppo di ransomware LockBit , che ha danneggiato vittime negli Stati Uniti e in tutto il mondo”, ha affermato il vice procuratore generale degli Stati Uniti Lisa Monaco.

È accusato di “cospirazione con altri per danneggiare intenzionalmente computer protetti e poi richiedere somme per il riscatto” – ed è in attesa di estradizione nel New Jersey, dove l’atto d’accusa è stato emesso.

“I membri di LockBit hanno presentato richieste di riscatto per almeno 100 milioni di dollari a quelle vittime e hanno estorto decine di milioni di dollari in pagamenti di riscatti effettivi”, ha affermato il Dipartimento di giustizia americano.

Durante l’arresto, gli sono state sequestrate pure due armi da fuoco, 8 computer, 32 dischi rigidi e l’equivalente di 400.000 euro in criptovalute. Dovrebbe essere accusato negli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *