24 Giugno 2024

Pochi oggi sanno chi sono i curdi e dove vivono? Ma un gran numero di persone appartiene ai curdi. Il Kurdistan è il territorio sud-occidentale del continente asiatico, abitato da curdi in maggioranza assoluta o relativa. Il Kurdistan non è un nome politico-statale, ma etnografico, poiché si trova sul territorio di quattro Stati per un totale, secondo varie stime, da 20 a oltre 30 milioni di persone. Di questi 14-15 milioni sono in Turchia, circa 4,8-6,6 milioni in Iran, circa 4-6 milioni in Iraq, circa 1-2 milioni in Siria, meno di 2 milioni in Europa e nord America, dove hanno creato potenti e comunità organizzate, 200-400 mila nei paesi dell’ex Unione Sovietica, principalmente in Azerbaigian e Armenia e circa 19 mila in Russia.

Chi sono i curdi e da dove vengono?

Non si conosce l’etimologia esatta della parola “Curdo”, ma un certo numero di studiosi ritiene che significhi “montuoso”. Secondo l’analisi genetica, i curdi sono strettamente imparentati con i popoli dell’Azerbaigian, dell’Armenia, della Georgia, che hanno antenati comuni nelle parti settentrionali e mediorientali del mondo. Questi dati ci permettono di farci un’idea di chi sono i curdi e da dove vengono.

Gli studi genetici sugli aplogruppi indicano la relazione dei curdi moderni con i popoli del Caucaso: azeri, georgiani e armeni, nonché ebrei.

I curdi sono un popolo di lingua iraniana che vive nei territori di Turchia, Iran, Siria, Iraq e anche parzialmente nel Transcaucaso. Il popolo curdo parla principalmente due dialetti: Kurmanji e Sorani.
I curdi sono uno dei popoli più antichi del Medio Oriente. Le antiche fonti egiziane, sumere, assiro-babilonesi, ittite e urartiane iniziarono a riferire sugli antenati dei curdi abbastanza presto. Il noto orientalista, dottore in scienze storiche M. S. Lazarev, ha scritto che “è molto difficile trovare un popolo che abbia vissuto così a lungo sul proprio territorio nazionale…”. Dal punto di vista di N. Ya. Marr, “i curdi conservano elementi dell’antica cultura del Vicino Oriente perché sono discendenti della popolazione autoctona…” ha scritto O. Vilchevsky (1-70).

Gli accademici N. Ya. Marr, I. M. Dyakonov, V. F. Minorsky, G. A. Melikishvili, I. Chopin, P. Lerkh, il professor Egon von Elktedt, Amin Zaki, Gurdal Aksoy e altri tra gli antenati curdi sono chiamati le antiche tribù di Kutians, Lullubis, Hurrians, Kassites, Mads (Medes), Kardukhs, Urartians, Khalds, Mars, Kirti e altri abitanti del vecchio Medio Oriente. I curdi, in quanto discendenti di queste tribù, hanno le loro radici nel lontano passato storico.

Sono il popolo più più numeroso che NON ha una propria nazione. L’autonomia curda esiste solo in Iraq (governo regionale curdo dell’Iraq). Infatti, questo popolo combatte da oltre trent’anni per la creazione del Kurdistan. Vale la pena notare che tutte le potenze mondiali stanno giocando la carta curda. Ad esempio, Israele e gli Stati Uniti, che sono alleati della Turchia, incoraggiano la sua lotta contro il movimento curdo. Russia, Grecia e Siria sostengono il PKK.

Tale interesse di altri stati in Kurdistan può essere spiegato dal loro interesse per le ricche risorse naturali del territorio abitato dai curdi. Il petrolio è una delle risorse più importanti.

A causa della posizione geografica e strategica piuttosto favorevole del Kurdistan, i conquistatori stranieri hanno prestato particolare attenzione a queste terre fin dai tempi antichi. Pertanto, dal momento della formazione del Califfo ad oggi, i curdi sono stati costretti a combattere contro gli schiavisti. Vale la pena notare che le dinastie curde durante il primo periodo feudale ebbero un’influenza politica significativa in Medio Oriente e governarono non solo nei singoli principati, ma anche in paesi così grandi come la Siria e l’Egitto.

Nel XVI secolo iniziò una serie di guerre in corso nel Kurdistan, la cui causa furono l’Iran e l’Impero Ottomano, che discutevano sul possesso delle sue terre.

Secondo il Trattato di Zohab (1639), che fu il risultato di queste guerre, il Kurdistan era diviso in due parti: turco e iraniano. Successivamente, questo evento ha svolto un ruolo fatale nel destino dei popoli del Kurdistan.

I governi ottomano e iraniano hanno gradualmente indebolito e poi liquidato i principati curdi per asservire economicamente e politicamente il Kurdistan. Ciò ha portato al rafforzamento della frammentazione feudale del paese.

Il governo dell’Impero Ottomano ha trascinato contro la loro volontà i curdi nella prima guerra mondiale, che successivamente ha portato alla rovina della regione e alla sua divisione in quattro parti: turca, iraniana, irachena e siriana.

Origine

L’origine dei curdi è attualmente oggetto di dibattito e controversia. Secondo diverse ipotesi, questa gente ha:

  • Origine scita-mediana;
  • Iafetico (Genesi 10:2-5);
  • Mesopotamia settentrionale;
  • Altopiano iraniano;
  • Persia.

Ovviamente, molti dei rappresentanti di queste aree hanno preso parte alla formazione del popolo curdo.

Religione

Ci sono diverse religioni in Kurdistan. La maggior parte della popolazione curda (75%) professa l’Islam sunnita, ma vi sono anche musulmani alawiti e sciiti. Poi vi è una minoranza che professa il cristianesimo. Inoltre, circa 2 milioni di curdi professano la religione preislamica dello “Yazidismo” . Tuttavia, indipendentemente dalla religione, ogni curdo considera lo zoroastrismo la sua religione originaria.

Parlando degli Yezidi, bisogna sempre ricordare che:

  • Gli Yazidi sono uno degli antichi popoli della Mesopotamia, parlano il dialetto Kurmanji della lingua curda: la cultura è identica al curdo, la religione è lo Yazidismo;
  • Uno Yazid nasce da un padre curdo Yezidi, e qualsiasi donna perbene può essere una madre;
  • Lo Yazidismo è praticato non solo dai curdi yazidi, ma anche da altri rappresentanti del popolo curdo;
  • Gli yazidi sono curdi etnici che professano l’antica religione curda yezidismo;

Il sunnismo è il ramo dominante dell’Islam. Chi sono i curdi sunniti? La loro religione si basa sulla “Sunnah”, che è un insieme di regole e principi basati sull’esempio della vita di Maometto.

.

La situazione oggi

Il numero di curdi nel mondo non ha dati precisi. A seconda delle fonti, queste cifre variano notevolmente da 13 a 40 milioni di persone. I loro rappresentanti vivono in Turchia, Iraq, Siria, Iran, Russia, Turkmenistan, Germania, Francia, Svezia, Paesi Bassi, Germania, Gran Bretagna, Austria e molti altri paesi del mondo.

In Turchia attualmente vivono circa 1,5 milioni di curdi che parlano la lingua curda. Nel 1984, il Partito dei lavoratori del Kurdistan entrò in guerra (che continua ancora oggi) con le autorità turche. I curdi in Turchia oggi chiedono la proclamazione di uno stato unico e indipendente: il Kurdistan, che unirà tutti i territori abitati dai curdi.

Oggi, la questione curda è una delle questioni chiave nelle discussioni sull’ulteriore percorso dell’integrazione europea della Turchia. Le richieste europee di concedere al popolo curdo autonomia e diritti in linea con gli standard europei rimangono insoddisfatte. Queste circostanze spiegano in gran parte il motivo per cui ai turchi non piacciono i curdi.

Tradizioni e costumi

A causa del fatto che i curdi non hanno ufficialmente un proprio Stato, un certo status politico nel mondo, molte persone non conoscono affatto questa popolazione. La storia e la cultura di questo popolo, nel frattempo, si distingue per la sua ricchezza e versatilità.

Con il consenso della ragazza, lo sposo può rapirla. Un’usanza che nei decenni passati era praticata pure nel sud Italia e conosciuta con l’appellativo siculo di “fuitina”. Se ciò accade contro la volontà dei genitori, allora lo sposo deve portarla a casa dello sceicco e, se i parenti raggiungono i fuggitivi, possono addirittura ucciderli. Se invece i giovani hanno il tempo di rifugiarsi nella casa dello sceicco, quest’ultimo dà un riscatto ai genitori della sposa e le parti si riconciliano.

Una donna curda ha il diritto di scegliere come marito l’uomo che ama. Di norma, la scelta della figlia e dei genitori coincide, altrimenti il padre o il fratello possono sposare con la forza la ragazza con la persona che è considerata un degno candidato per essere il marito. Allo stesso tempo, il rifiuto della ragazza a questo candidato è considerato un terribile peccato. È anche considerato vergognoso divorziare dalla moglie, perciò i casi di divorzio sono estremamente rari.

Un matrimonio curdo può durare fino a sette giorni e la sua durata dipende dalla situazione finanziaria dei proprietari. Questo ricorda molto le tradizioni nuziali turche .

Se i parenti dello sposo vivono lontano dai parenti della sposa, allora si svolgono due cerimonie  e, nei casi in cui i giovani vivono a breve distanza l’uno dall’altro, celebrano allora un unico grande matrimonio.

Le celebrazioni nuziali curde sono sontuose e costose, e per questo i genitori dello sposo risparmiano sin da quando il figlio è ancora bambino. Le spese però vengono ripagate dai doni degli invitati, che di norma consistono in bestiame (per lo più pecore) o denaro a seconda di dove abitano.

Di solito tutti i parenti sono invitati alla cerimonia, quindi i soldi per il matrimonio vengono risparmiati per mesi. È consuetudine celebrare i matrimoni in primavera e può durare un’intera settimana.

Gli ospiti vengono trattati con riso e carne, donne e uomini sono spesso separati in stanze diverse. I giovani sono impegnati al servizio di uomini adulti. Tra i curdi yazidi, è usanza comune realizzare una bambola, che simboleggia la madre della pioggia. Con questa bambola devi camminare per il villaggio, cantando canzoni di preghiera che richiedono la pioggia. Abbastanza sorprendente sembra l’usanza del furto, che è anche associata al desiderio di sbarazzarsi degli effetti dannosi della siccità. A rubare dovrebbero essere donne vestite da uomini. La merce rubata viene poi restituita. I dolcetti per matrimoni o altre celebrazioni consistono in riso e carne. Uomini e donne celebrano le vacanze separatamente in tende diverse.

 

Carattere

Il loro comportamento e atteggiamento nei confronti della vita, la visione del mondo nel suo insieme sono determinati dalla religione che professano. I curdi trattano le altre credenze con grande rispetto. I rappresentanti di diverse comunità e credenze possono partecipare ai rituali, mostrando così rispetto. I luoghi sacri, compresi quelli degli altri, sono di particolare importanza per i curdi. I casi di conflitti per motivi religiosi sono estremamente rari. Tuttavia, l’occulto, il satanismo e il culto degli spiriti maligni sono condannati dai curdi.
Il più grande complimento per un curdo è pronunciare il saluto nella sua lingua. Uno straniero che ha imparato il curdo può diventare immediatamente famoso in qualsiasi comunità. Allo stesso tempo, i curdi non si considerano eccezionali. Il vicinato storico con altri popoli li ha resi pazienti, compiacenti, capaci di rispettare le opinioni altrui. È considerato abbastanza normale sposare un rappresentante di un’altra nazione.

I curdi non tollerano l’ossessione. L’oppressione a lungo termine da parte dei governi di vari stati li ha resi estremamente impazienti con coloro che cercano di imporre il proprio ordine. Il massimo rispetto è dato a coloro che sono stati in grado di raggiungere altezze utilizzando i propri talenti. Le persone intelligenti, influenti e forti rimangono sempre in grande considerazione. È importante notare che la parola “forte” si riferisce a una persona che è in grado di usare la propria forza con competenza. Incapace di usare il dono razionalmente, causa ostilità. I curdi disprezzano chiunque derubi gli altri per guadagno personale. Le persone sono abbastanza normali riguardo alla privazione di certe libertà, ma in cambio si aspettano sempre qualcosa di più. Se il capo della loro comunità si limita a prendere e non dà nulla in cambio, una tale persona corre il rischio di essere disprezzata.

La vendetta di sangue è rilevante tra i curdi fino ad oggi. Le ragioni dei litigi possono essere la mancanza di acqua, pascoli, ecc. Tuttavia, i curdi moderni risolvono sempre più i conflitti con l’aiuto del pagamento. Sono noti anche casi in cui una donna o una ragazza data in sposa al nemico ha agito come pagamento e le parti si sono riconciliate.

Le donne curde hanno un carattere forte e sono molto legati alla famiglia e alla propria etnia, e per questi valori sono pronte pure a impugnare le armi. Sono delle vere e proprie guerriere.

 

Molte donne e ragazze curde indossano pantaloni, il che si spiega con la comodità di andare a cavallo. I gioielli per le donne sono monete d’oro e d’argento. Nei rapporti coniugali, i curdi sono monogami, ad eccezione dei bek, che possono risposarsi per rafforzare i legami familiari.

I curdi si distinguono anche per la loro cordialità verso le altre nazionalità, ma non tollerano situazioni legate all’oppressione delle loro lingue, costumi e ordini.

 

Lotta per l’indipendenza

Il primo tentativo di creare uno stato curdo indipendente fu fatto nel 1840 da Badrkhan-bek, l’emiro della regione di Bokhtan (con capitale Jazire). Nel 1842 iniziò a coniare monete a proprio nome e smise completamente di riconoscere il potere del Sultano. Tuttavia, nell’estate del 1847 , Bokhtan fu occupata dalle truppe turche, l’emirato fu liquidato, con lo stesso Badrkhan-bek catturato ed esiliato (morto nel 1868 a Damasco ).

Un nuovo tentativo di creare un Kurdistan indipendente è stato fatto dal nipote di Badrkhan, Yezdanshir. Questi sollevò una rivolta alla fine del 1854 , approfittando della guerra di Crimea; riuscì presto a prendere Bitlis , seguito da Mosul. Successivamente, Yezdanshir iniziò a preparare un attacco a Erzurum e Van. Tuttavia, il tentativo di connettersi con i russi fallì: tutti i suoi messaggeri al generale Muravyov furono intercettati e lo stesso Yezdanshir fu attirato a incontrare rappresentanti turchi, catturato e inviato a Istanbul (marzo 1855 ) Dopodiché, la rivolta fallì.

Il tentativo successivo di creare uno stato curdo fu fatto dallo sceicco Obeidullah nel 1880. Obeidullah, capo supremo dell’ordine Sufi Naqshbandi, molto rispettato in Kurdistan sia per la sua posizione che per le sue qualità personali, convocò nel luglio 1880 nella sua residenza Nehri un congresso dei leader curdi, nel quale avanzò un piano: creare uno stato indipendente e, per attaccare prima la Persia (come nemico più debole), prendere possesso del Kurdistan iraniano e dell’Azerbaigian e, facendo affidamento sulle risorse di queste province, intraprendere una lotta contro la Turchia. Il piano fu accettato e nell’agosto dello stesso anno iniziò l’invasione curda dell’Azerbaigian iraniano. È stato accompagnato da una rivolta delle tribù curde locali; distaccamenti di ribelli si avvicinarono alla stessa Tabriz. Tuttavia, Obeidullah con le sue forze principali rallentò durante l’assedio di Urmia, alla fine fu sconfitto e costretto a tornare in Turchia. Lì fu arrestato ed esiliato alla Mecca, dove morì.

In questo momento, l’ideologia del nazionalismo sta penetrando sempre più nel Kurdistan dall’Europa; la sua propaganda è stata condotta dal primo giornale curdo, Kurdistan, pubblicato al Cairo dal 1898 dai discendenti di Badrkhan.

Una nuova impennata del movimento nazionale in Kurdistan arrivò dopo la Rivoluzione dei Giovani Turchi del 1908 . Nasce e guadagna immediatamente popolarità la società nazionalista “Revival and Progress of Kurdistan”, il cui capo era lo sceicco Abdel-Kader, figlio di Obeidullah, tornato dall’esilio; dopodiché nasce la “Lega del Kurdistan”, che mirava a creare un “Kurdistan beylik” (principato curdo) o come parte della Turchia, o sotto il protettorato della Russia o dell’Inghilterra – c’erano disaccordi al riguardo. Lo sceicco della tribù Barzan Abdel-Salam, che sollevò una serie di rivolte nel 1909-1914, e in particolare Molla Selim, che divenne il capo della rivolta a Bitlis nel marzo 1914, fu associato a lei .

La sconfitta della Turchia nella prima guerra mondiale sembrò aprire nuove prospettive per i curdi. Alla Conferenza di Versailles, i curdi erano rappresentati dal generale Sherif Pasha, che stava cercando di ottenere la creazione di uno stato curdo indipendente. Tuttavia, i nazionalisti curdi che hanno parlato a Parigi, infatti, non avevano forti legami con il Kurdistan e in realtà non rappresentavano nessuno se non una ristretta cerchia di intellettuali curdi. Secondo il Trattato di pace di Sevres del 1920 , il Kurdistan doveva essere immediatamente dichiarato autonomo, seguito (entro un anno) dalla concessione dell’indipendenza, se i curdi avessero espresso tale desiderio.

Nel frattempo, nello stesso Kurdistan stava accadendo quanto segue. Nel vilayet di Mosul (l’attuale Kurdistan iracheno), occupato dagli inglesi, questi ultimi da tempo si precipitarono con l’intenzione di organizzare una confederazione di principati curdi. Come primo passo, lo sceicco Mahmoud Barzanji fu nominato da loro sovrano di Sulaymaniyah. Tuttavia, Barzanji si ribellò nel maggio 1919 , arrestò i rappresentanti britannici, si proclamò re del Kurdistan e marciò su Kirkuk , ma fu sconfitto dagli inglesi. Fu ferito, fatto prigioniero e condannato a morte, sostituito dall’esilio in India. Nell’autunno del 1922 , quando il Mosul Vilayet (cioè il Kurdistan meridionale, ora iracheno,) iniziò a minacciare le truppe turche, gli inglesi restituirono Mahmud Barzanji a Sulaimaniya, che si proclamò nuovamente re del Kurdistan, formò un governo, iniziò a coniare monete e stampare francobolli con la sua immagine. Diffidente nei confronti degli inglesi, entrò in rapporti segreti con i turchi e inviò una lettera a Lenin chiedendo appoggio e protettorato. Nel febbraio 1923 , gli inglesi chiesero un ultimatum a Barzanji per lasciare Sulaymaniyah, dopodiché sottoposero la città a bombardamenti aerei. Barzanji andò sulle montagne e vi rimase per diversi anni, di tanto in tanto prendendo Suleimaniya con incursioni. Nel 1927 , vedendo il fallimento di ulteriori lotte, si arrese a un’amnistia.

Nella primavera dello stesso 1922 , Simko, il leader dei curdi iraniani, si autoproclamò re del “Kurdistan indipendente”, che formò il proprio governo e iniziò a pubblicare il proprio giornale. Ad agosto fu sconfitto dai persiani, ma continuò a essere un “piantagrane” fino alla sua morte nel 1930 .

Per quanto riguarda il Kurdistan turco, i curdi, che avevano paura di cadere sotto il dominio degli armeni e delle potenze occidentali, hanno ceduto all’agitazione di Mustafa Kemal , che ha promesso loro la completa autonomia in uno stato musulmano curdo-turco, e lo ha sostenuto durante il Greco -Guerra turca. Di conseguenza, nel 1923 fu concluso il Trattato di pace di Losanna, in cui i curdi non erano affatto menzionati. Questo trattato ha definito i confini moderni tra Iraq, Siria e Turchia, tagliando l’ex Kurdistan ottomano.

Successivamente, il governo kemalista iniziò a perseguire una politica di “turchizzazione” dei curdi. La risposta fu una rivolta sollevata all’inizio del 1925 dallo sceicco Said Piran. I ribelli conquistarono la città di Gench, che lo sceicco Said proclamò capitale temporanea del Kurdistan; inoltre, intendeva catturare Diyarbekir e proclamarvi uno stato curdo indipendente. Tuttavia, l’assalto a Diyarbekir fu respinto; dopodiché, i ribelli furono sconfitti vicino a Gench, i leader della rivolta (compreso lo sceicco Abdul-Qadir, figlio di Obaidullah) furono fatti prigionieri e impiccati.

Una nuova rivolta dei curdi turchi iniziò nel 1927 nelle montagne dell’Ararat, organizzata dalla società Khoibun (Indipendenza). I così detti ribelli cercarono di formare un esercito regolare sotto il comando dell’ex colonnello dell’esercito turco, Ihsan Nuri Pasha. Fu creata anche un’amministrazione civile sotto la guida di Ibrahim Pasha. La rivolta fu repressa nel 1931. L’ultimo movimento di massa dei curdi turchi fu il movimento dei curdi Zaza (una tribù che parlava un dialetto speciale, professava l’alavismo e non simpatizzava per i musulmani) a Dersim. Prima del 1936 La città di Dersim godeva de facto di autonomia. La trasformazione di quest’area nel vilayet di Tunceli con un regime di governo speciale provocò una rivolta sotto la guida dello sceicco di Dersim Seyid Reza. Il corpo d’armata inviato contro i ribelli non ebbe successo. Tuttavia, il comandante del corpo, il generale Alpdogan, attirò Seyid Reza a Erzurum per i negoziati, dove il leader curdo fu arrestato e presto impiccato. La rivolta fu repressa solo nel 1938d. A seguito del regime di terrore militare-poliziesco instaurato nel Kurdistan turco, il divieto della lingua curda, dell’abbigliamento nazionale curdo e del nome stesso “curdi” (gli studiosi kemalisti hanno definito i curdi “turchi di montagna”, presumibilmente selvaggi e dimenticando la loro lingua originale turca), così come le deportazioni di massa dei curdi nell’Anatolia occidentale e centrale, il movimento curdo in Turchia è stato distrutto per molti anni e la società curda è stata destrutturata.

Il centro del movimento curdo a quel tempo era il Kurdistan iracheno e iraniano. Nel 1930, Mahmud Barzanji sollevò nuovamente una rivolta a Suleymaniye. La rivolta fu repressa, ma subito dopo scoppiò la rivolta dello sceicco Ahmed a Barzan (1931-1932). Nel 1943-1945 a Barzan ebbe luogo una nuova rivolta sotto la guida di Mustafa Barzani. Nel 1946, la Repubblica curda di Mahabad viene proclamata a Mahabad. Allo stesso tempo, emersero anche grandi partiti curdi: il Partito Democratico del Kurdistan iraniano (1945) e il Partito Democratico del Kurdistan (Iraq) (1946). Nel 1961 scoppiò in Iraq una grande rivolta sotto la guida di Mustafa Barzani, che durò fino al 1975. Durante questa rivolta, Barzani riuscì a riconoscere formalmente il diritto all’autonomia per i curdi dell’Iraq; tuttavia, alla fine fu sconfitto. La sconfitta della rivolta provocò una scissione nel movimento dei curdi iracheni: alcuni partiti di sinistra si staccarono dal Partito Democratico del Kurdistan, nell’estate del 1975 presero forma nell’Unione Patriottica del Kurdistan sotto la guida di Jalal Talabani.

All’inizio del 1979, in connessione con la rivoluzione islamica in Iran, il potere nel Kurdistan iraniano era praticamente nelle mani dei curdi. Tuttavia, già a marzo sono iniziati gli scontri armati tra i distaccamenti del Partito Democratico del Kurdistan iraniano e i Guardiani della Rivoluzione Islamica inviati da Teheran. All’inizio di settembre, gli iraniani hanno lanciato una massiccia offensiva, accompagnata da esecuzioni di massa di residenti dei villaggi catturati dai 12 ai 13 anni. Di conseguenza, le forze governative sono riuscite a prendere il controllo della parte principale del Kurdistan iraniano.

I curdi iraniani e iracheni si sono trovati in una situazione tragica durante la guerra Iran-Iraq del 1980-1988, quando i primi godevano dell’appoggio di Baghdad, ei secondi di Teheran; su questa base si sono verificati scontri armati tra distaccamenti di ribelli iracheni e iraniani.

Nel marzo 1991, a seguito della sconfitta delle truppe irachene, scoppiò una nuova rivolta nel Kurdistan iracheno. Ad aprile è stato soppresso da Saddam Hussein, ma poi le forze NATO, agendo su mandato dell’ONU , hanno costretto gli iracheni a lasciare parte del Kurdistan iracheno, dove è stato creato il cosiddetto “Kurdistan libero” con un governo di membri del KDP e PUK. La liberazione definitiva del Kurdistan iracheno è avvenuta dopo la caduta di Saddam Hussein. Attualmente esiste uno stato formalmente federale, ma di fatto semi-indipendente.Curdi

In quel momento apparve in Turchia il Partito dei lavoratori curdi, guidato da Abdullah Ocalan, soprannominato “Apo” (che significa “zio”), motivo per cui i suoi aderenti sono chiamati “Apochisti”. Dopo il colpo di stato militare del 1980, i suoi membri sono fuggiti in Siria, dove, dopo aver ricevuto l’aiuto del governo siriano, hanno iniziato una lotta armata contro lo stato turco all’insegna dello slogan

“Un Kurdistan unito, democratico, indipendente”.

A metà degli anni 90 il PKK bombarda diverse migliaia (secondo le sue stesse affermazioni fino a 20 mila) di “guerriglie” con un esercito e vaste strutture politiche nella diaspora curda in tutto il mondo. In totale, più di 35 mila persone sono morte a causa delle ostilità. Nel 1998 la Siria, sotto la pressione della Turchia, ha rifiutato di sostenere il PKK ed ha espulso Ocalan, che ha inflitto il colpo più forte alle parti e, come si è scoperto, un colpo irreparabile.

Attualmente, il vero centro del movimento nazionale curdo è il Kurdistan iracheno. Vi è una speranza diffusa tra i curdi, e, cioè, che esso diventi la base di un futuro “Grande Kurdistan” indipendente e unito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *